>>>>> <<<<>>>> SALENTOMOTORI.it Il Giornale Salentino dei Motori **GIOVEDI' 31 MAGGIO, VENERDI' 1 E SABATO 2 GIUGNO 2018 SEGUITE Gianluca Eremita IN DIRETTA SULLE FREQUENZE DI MONDORADIO E RADIO AURORA DALLE PROVE SPECIALI DEL "51° Rally del Salento"** - <<<<>>>>> >>>>>>> ***** SalentoMotori.it**********>>> <<<<<

 
 

>>>>> <<<<>>>> ***************** MONDORADIO è anche in streaming su ( www.mondoradio.net) --- *** Solo su Mondoradio puoi ascoltare le dirette dal mondo dei motori... >>> <<<<<

 


LIVE! sulle frequenze di MondoRadio

ASCOLTA LO SPOT IN ONDA SU MondoRadio e Radio Aurora

Classifiche - LIVE TIMING

Cartina Generale del Rally

Planimetria Generale


Programma del 51°Rally del Salento


Tabella Tempi e Distanze

ELENCO ISCRITTI (moderne)

ELENCO ISCRITTI (storiche)

 

 
 

2018

   


 
51° RALLY DEL SALENTO
Notizia

 

martedì 29 maggio 2018

Rally del Salento, presentata l'edizione numero 51.

Formula 3 in 1 per accrescere lo spettacolo. Presentata a Lecce la 51esima eidzione del Rally del Salento che in una sola manifestazione unisce la gara valevole per il Campionato Italiano Wrc, il Rally storico e il raduno storico.Saranno 115 i concorrenti iscritti al via di un grande evento
(Comunicato Ufficio Stampa 51°Rally del Salento)

È stata presentata questa mattina, nel corso di una conferenza stampa presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell’Automobile Club Lecce la 51esima edizione del Rally del Salento in programma venerdì e sabato prossimo (1 e 2 giugno).

Francesco Sticchi Damiani e Teresa Elvira Sambati, rispettivamente Vice Presidente e Direttore dell’Automobile Club Lecce, Ente organizzatore della manifestazione, hanno fatto gli onori di casa dando il benvenuto alle autorità, alla stampa ed agli appassionati.

Accanto a loro, Massimo Manera Presidente della Fondazione “La Notte della Taranta”, nonché Sindaco di Sternatia e Diego Blasi Assessore allo Sport del Comune di Melpignano.

Attraverso un video messaggio Loredana Capone, Assessore Regionale all’Industria turistica e culturale e Gestione e valorizzazione dei beni culturali, ha inviato il suo saluto ai presenti e all’intera organizzazione congratulandosi con essa per l’impegno e la professionalità profusi che amplificano gli alti parametri dell’intera regione oltre che per il numero di partecipanti e per il gradimento che sempre riscuote la gara.

Nei vari interventi oltre a descrivere gli aspetti sportivi, tecnici e logistici della manifestazione valida quale secondo appuntamento del Campionato Italiano Wrc, come gara d’apertura della Coppa Italia Rally 4^ Zona e come terzo appuntamento del Campionato Regionale a coefficiente 1,5, è stato sottolineato l’alto valore promozionale per il territorio di un evento sportivo di così alto livello, insieme all’aspetto della positiva ricaduta economica con migliaia di spettatori, appassionati e addetti ai lavori che soggiorneranno in provincia di Lecce per i giorni interessati dal rally.

Un rally che diventa sempre più evento a 360° con tante coinvolgenti iniziative e proposte di contorno tra cui il Concerto dell’Orchestra Popolare della Notte della Taranta, previsto per sabato sera dopo la cerimonia d’arrivo nel piazzale antistante l’Ex Convento degli Agostiniani. Di notevole rilevanza in questo quadro il prezioso supporto della Fondazione “La Notte della Taranta”, che con gli organizzatori ha siglato un protocollo d’intesa per favorire e implementare una maggiore valorizzazione e promozione del territorio salentino, e del comune di Melpignano che all’unanimità si sono detti orgogliosi di poter accogliere la manifestazione e che insieme agli organizzatori hanno strutturato le diverse fasi logistiche dell’evento che avrà proprio in Melpignano il suo cuore pulsante con partenza (Piazza San Giorgio), arrivo, verifiche sportive e tecniche, centro direzionale (Ex Convento degli Agostiniani), riordinamenti (Palazzo Castriota) e parco Assistenza (Zona industriale).

Spiegato il programma di gara che vivrà su tre manifestazioni concomitanti. Oltre alla gara riservata alle auto moderne quest’anno verrà dato ulteriore spazio alle auto storiche con il 1°Rally Storico del Salento, che vedrà al via alcune  auto che hanno fatto la storia dei rally  e che rievocheranno emozioni mai sopite per chi ne a seguito le gesta non solo al Rally del Salento  ma anche nei contesti nazionali e internazionali e con la 2^ edizione del raduno Storico del Salento, manifestazione non competitiva, riservata a vetture di particolare interesse storico e collezionistico.

Resi noti i dettagli tecnici che come già annunciato vedrà la gara riservata alle auto moderne affrontare nella serata di venerdì la prova speciale di Melpignano (prova spettacolo inedita) e al sabato la triplice ripetizione delle prove di Martignano, Santa Cesarea e Specchia. I concorrenti iscritti al rally storico condivideranno con il rally “maggiore” le prime sette prove speciali (non effettueranno l’ultima tornata di prove del sabato). Mentre i partecipanti al raduno affronteranno un percorso che prevede un itinerario diverso con transiti e soste nei comuni di Sternatia e Soleto con all’arrivo, l’abbinamento delle vetture, alle modelle vestite in abiti d’epoca dello stilista Pino Cordella per l’attribuzione del Premio Eleganza.

A dare più importanza all’evento motoristico è il significativo numero di adesioni: la manifestazione ha infatti registrato un ottimo successo di partecipanti chiudendo a quota 115 iscritti.
La sezione più partecipata sarà come ovvio che sia la gara valida per il Campionato Italiano WRC che vedrà al via ben 83 equipaggi e tra essi tutti i maggiori pretendenti al titolo tricolore riservato alle World Rally Car. Molti gli aspiranti alla vittoria e non solo per i gradini più alti del podio, ma anche nei vari gruppi e classi. Saranno invece 7 gli attori chiamati a contendersi la vittoria nel Rally Storico, mentre il Raduno che si annuncia anche quest’anno molto interessante scatterà con 25 partenti. 

******************************************

martedì 29 maggio 2018

Suzuki Rally Cup, i Top Ten al Rally del Salento

Il secondo dei sei appuntamenti della serie monomarca, in abbinamento al Campionato Italiano WRC, è in programma questo fine settimana in provincia di Lecce. Attesa per lo scontro al vertice tra Corrado Peloso, leader, e Nicholas Parolaro, secondo dopo l'esordio stagionale al Rally 1000 Miglia. Terzo è il trentino Roberto Pellè, determinato a riconquistare la prima posizione. Dieci saranno le Suzuki SWIFT a caratterizzare la 51esima edizione del Rally del Salento; dieci gli equipaggi che sulle impegnative strade pugliesi daranno spettacolo, confrontandosi per le classifiche della seconda prova della Suzuki Rally Cup.

(Comunicato Ufficio Stampa Suzuki Italia)

Questo fine settimana si correrà il 51° Rally del Salento sulle insidiose e particolari strade della Puglia sud-orientale, ricche di incognite e di passaggi stretti tra i muretti di pietra. In questa occasione, si svolgerà la seconda tappa del calendario della serie monomarca delle compatte della Casa di Hamamatsu, che si disputa in abbinamento al Campionato Italiano WRC.

A formare l'ipotetica griglia di partenza della gara si schiereranno i due modelli sportivi di Suzuki SWIFT: l'aspirata Sport 1.6 in versione R1B e la "turbocompressa" 1.0 BoosterJet in versione Racing Start RSTB 1.0.

È Corrado Peloso il pilota che i pronostici della vigilia indicano come favorito all'affermazione in gara. Già vincitore della Rally Cup nel 2016, l'aostano ha più volte corso il "Salento" a differenza degli sfidanti, che vantano meno partecipazioni alla prova salentina. Dopo l'affermazione nel round inaugurale al "1000 Miglia", Peloso conduce la classifica assoluta, seguito da Parolaro, mentre Pellè è terzo, con un leggero distacco. A Salò sono state ottime le prestazioni dell'esordiente Cibien, quarto e davanti a Pollarolo, Schileo, Manica, Cornero e Lunelli.

Il Rally del Salento, scatterà alle ore 20 di venerdì 1 giugno da Melpignano, dove terminerà, il giorno seguente, alle ore 20, dopo la disputa di dieci prove speciali compreso la Prova Spettacolo a Melpignano.

Gli iscritti alla Suzuki Rally Cup al Rally del Salento: 84 Peloso Corrado e Iguera Massimo (Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B - La Superba); 85 Parolaro Nicolas e Manfredi Jasmine (Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B - Wrt-Winners Rally Team); 86 Pellè Roberto e Luraschi Giulia (Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B - Destra 4 Srl); 87 Longo Marco e Bazzanella Remo (Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B - Destra 4); 88 Schileo Nicola e Furnari Gianguido (Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B - Wrt-Winners Rally Team); 89 Pollarolo Andrea e Pozzoni Alessandra (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB1.0 - Novara Corse); 90 Manica Federico e Danese Milena (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB1.0 - Pintarally Motorsport); 91 Cornero Mauro e Piccardo Paolo (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB1.0); 92 Lunelli Rino e Morelli Valentino (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB1.0 - Pintarally Motorsport); 93 Martinelli Stefano e Baldacci Sara (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB1.0 - G.R. Motorsport).

Suzuki Rally Cup, vincitori gare: Rally 1000 Miglia, Peloso Corrado e Iguera Massimo.

Suzuki Rally Cup dopo Rally 1000 Miglia.

Conduttori: 1. Peloso punti 19; 2. Parolaro 17; 3. Pellè 13; 4. Cibien Davide 10; 5. Longo 8; 6. Pollarolo 7; 7. Schileo 6; 8. Manica 5; 9. Cornero 4; 10 Lunelli

Navigatori: 1. Iguera Punti 19; 2. Manfredi 17; 3. Luraschi 13; 4. Bogo 10; 5. Bazzanella 8; 6. Pozzoni 7; 7. Finzi 6; 8. Danese 5; 9. Piccardo 4; 10. Morelli 3

Calendario Suzuki Rally Cup 2018: 29 aprile, 42° Rally 1000 Miglia (BS); 3 giugno, 51° Rally del Salento (LE); 24 giugno, 35° Rally della Marca Trevigiana (TV); 26 agosto, 54° Rally del Friuli e Venezia Giulia (UD); 15 settembre, 38° Rally Int. San Martino di Castrozza e Primiero (TN); 21 ottobre, 37° Rally Trofeo ACI Como

Albo d'Oro Suzuki Rally Cup: 2008 Roberto Sordi; 2009 Andrea Crugnola; 2010 Milko Pini; 2011 Claudio Gubertini; 2012 Damiano Defilippi; 2013 Paolo Amorisco; 2014 Alessandro Uliana; 2015 Marco Capello; 2016 Corrado Peloso; 2017 Simone Rivia, Under 25 Giorgio Cogni.

******************************************

martedì 29 maggio 2018

Torna il Campionato Italiano Wrc con il 51°Rally del Salento

83 equipaggi iscritti tra i quali saranno presenti tutti i big del CIWRC. Aperta la caccia ad Albertini che dovrà guardarsi dagli attacchi di Fontana, Miele, Porro, e Pedersoli. Sfide avvincenti anche tra le R5 e le S2000. La competizione sarà arricchita da molte novità, non solo sportive.

Melpignano (LE), Martedì 29 maggio 2018 - Il Campionato Italiano WRC ritorna con il 51° Rally del Salento. La gara organizzata dall’A.C. Lecce offrirà l’occasione alla serie nazionale dedicata alle migliori vetture internazionali di percorrere nuovamente le strade di una delle zone più belle del nostro paese.

Il Salento, secondo appuntamento del calendario tricolore in programma per l’1 e 2 giugno, torna quindi ad avere validità per le World Rally Car, dopo l’edizione del cinquantenario che aveva fatto da cornice al Campionato Italiano Rally. Sono molte le novità che arricchiranno questa edizione della gara salentina. Anche per quanto riguarda la competizione sportiva, che avrà come centro operativo la località di Melpignano e, che si svolgerà su dieci prove speciali e un percorso complessivo di 412,56 km. Primo grande inedito del programma riguarda la speciale spettacolo di apertura, PS1 “La Taranta” (3,60 km), prevista per la serata di venerdì 1 giugno alle ore 20.07, proprio nelle strade dello splendido centro. La giornata iniziale sarà arricchita inoltre da una novità per lo shakedown, che si svolgerà sul nuovo tratto nella contrada Padulaci a Soleto.

Cresce quindi l’attesa per il ritorno delle World Rally Car nella provincia di Lecce e le risposte sono arrivate puntuali anche da parte dei protagonisti del CIWRC. Sono molti infatti a confermare la loro presenza nell’elenco iscritti del 51° Rally del Salento che ha raggiunto quota 83 concorrenti, dei quali 9 alla guida di una Wrc, oltre a diversi concorrenti su R5. In cima alla lista compare il leader Stefano Albertini, sempre affiancato da Danilo Fappani sulla Ford Fiesta Wrc. Il campione in carica sarà quindi chiamato nuovamente alla conferma in Salento, ma avrà di fronte a sé l’impresa guardarsi dagli attacchi dei diversi avversari. Primo tra questi il driver lariano Corrado Fontana, che proverà a rinnovare il duello con il bresciano nel suo debutto in questa gara, al volante della Hyundai i20 NG Wrc sempre con Nicola Arena, dopo l’ottima prestazione al Rally 1000 Miglia. Il Campionato, invece, attende una reazione dai suoi veterani più quotati. Uno su tutti l’altro lariano Paolo Porro, che qui ha corso tre volte in passato, sarà alla guida della Fiesta Wrc affiancato da Paolo Cagnelutti. In cerca di riscatto, ci sarà anche Luca Pedersoli. Il bresciano affiancato da Anna Tomasi, debutterà al volante della nuova Citroen DS3 Wrc (1600cc) preparata da PH Sport e supportato da Vieffecorse per un pacchetto tecnico completamente rinnovato che sarà interessante osservare all’opera. Al via per mantenere un posto tra i migliori ci sarà il milanese Simone Miele, anche lui con Citroen DS3 insieme a Lisa Bollito, che vivrà questo week end la sua prima esperienza rallistica sulle speciali salentine. Sarà presente a Melpignano anche il bresciano “Pedro” con Emanuele Baldaccini, in cerca di una prestazione convincente dopo un inizio di stagione complicato vissuto al Rally 1000 Miglia sulla Hyundai i20 NG Wrc. In gara con un’altra i20 Wrc ci sarà anche Luigi Fontana, navigato da Roberto Mometti, oltre al giovane Lorenzo Della Casa che proverà a prendere continuità sulla Fiesta Wrc in coppia con Luca Beltrame.

Si preannuncia una gara all’insegna dello spettacolo anche per quanto riguarda la classe R5. Pronto per il Salento l’esperto pilota veneto Antonio Forato sulla Fiesta Evo 2 R5, che dovrà fronteggiare gli attacchi del giovane Andrea Carella, che aveva lanciato segnali importanti a Salò al volante della Peugeot 208 R5 prima del ritiro, oltre al pilota di Manfredonia, Domenico Erbetta che proverà sicuramente a mettersi in evidenza su Fiesta R5 nella gara di casa.  Sfida tutta da seguire anche per quanto riguarda le S2000, con il leader di classe Giampaolo Bizzotto su Peugeot 207 che cercherà di mantenere il comando della classifica, mentre proveranno a prendere il suo posto, il driver di Ceccano Stefano Liburdi e l’altro cittadellese Mauro Trentin, entrambi su 207 S2000 e il trentino Matteo Daprà, su Skoda Fabia S2000. A correre al Salento ci saranno anche il bresciano Gianluca Saresera, che lotterà con il giovane Francesco Gonzo, entrambi a bordo di Peugeot 208 R2B. Quindi, tra le R1B iscritte alla serie, il confronto sarà tra il padovano Schileo e il ligure Cornero, in corsa anche per il trofeo Suzuki. Il Rally del Salento sarà infatti anche il palcoscenico del secondo round del Suzuki Rally Cup.

La serie monomarca firmata dalla casa giapponese comandata al momento dall’aostano Corrado Peloso seguito da Nicolas Parolaro, e Roberto Pellè, in terra salentina vedrà al via dieci equipaggi, a bordo della Swift Sport 1.6 in versione R1B e la "turbocompressa" 1.0 BoosterJet in versione Racing Start RSTB 1.0.

******************************************

venerdì 25 maggio 2018

Iscrizioni in chiusura per il 51° Rally del Salento

Cresce l'attesa per la prestigiosa competizione salentina che quest'anno propone, accanto alle vetture moderne, anche le autostoriche. Martedì 29 maggio la conferenza stampa di presentazione presso la sede ACI di Lecce

(Comunicato Ufficio Stampa 51°Rally del Salento) 

Prosegue l’avvicinamento all’edizione numero 51 del Rally del Salento, secondo atto del Campionato Italiano Wrc in programma in provincia di Lecce l'1 e 2 giugno.

Il lavoro dello staff organizzativo che fa capo all’Automobile Club di Lecce prosegue senza sosta. E mentre l’elenco dei protagonisti si va arricchendo di minuto in minuto, si stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli di una manifestazione rinnovata soprattutto nella logistica e con qualche ritocco nel percorso. Un cambiamento quasi radicale che ha richiesto un grande sforzo sia nell’istaurare  nuovi rapporti di collaborazione con le istituzioni locali che hanno tutte accolto con favore la possibilità di avere un coinvolgimento nella manifestazione, che nel pianificare l’allestimento di una logistica totalmente inedita e molto compatta. L’accordo con la Fondazione “La Notte della Taranta”, Ente che organizza il più importante Festival di musica popolare d’Europa, volto a promuovere e valorizzare la crescita e l’immagine del territorio salentino e che darà alla manifestazione un ulteriore tocco d’internazionalità, ha permesso di individuare nella cittadina di Melpignano, la location ideale per l’espletamento di tutte le varie fasi di gestione dell’intero evento: quartier generale, verifiche, riordinamenti e assistenza. Faranno certamente sensazione la partenza in pieno centro storico, in Piazza San Giorgio e l’arrivo con la cerimonia di premiazione dei vincitori nel piazzale antistante l’Ex Convento degli Agostiniani. Il percorso è in larga parte ricavato dalla tradizione con 10 prove speciali (Martignano, Santa Cesarea e Specchia da ripetere tre volte). Un esordio assoluto lo riserva il tratto cronometrato d’apertura, allestito in configurazione Prova Spettacolo e che per la prima volta si svolgerà a Melpignano. Gli organizzatori comunicano che per mantenere la sede stradale il più possibile pulita, lungo i tratti interessati dalle prove speciali, verranno posizionate postazioni “anti taglio”.

ISCRIZIONI IN CHIUSURA. MARTEDI LA PRESENTAZIONE

Scade infatti alle ore 23 di oggi il termine ultimo per l’invio della richiesta di partecipazione (modulo on line su www.rallydelsalento.info) a una gara di assoluto prestigio nel panorama sportivo tricolore. Per la felicità del pubblico saranno certamente presenti molti equipaggi di spicco del rallysmo italiano a bordo delle potenti vetture WRC chiamati a lottare per la conquista di importanti punti campionato. Ad essi si aggiungeranno i concorrenti che nella medesima serie tricolore hanno nel mirino le varie coppe di categoria e i Trofei promozionali (Michelin, Suzuki, Renault) ma anche chi punta a partire col piede giusto nella Coppa Italia Rally 4^ Zona  e chi invece cercherà conferme o avrà sete di riscatto nell’ambito del Campionato Regionale. Per conoscere i primi nomi bisognerà aspettare i primi giorni della prossima settimana. Probabile che l’elenco completo degli iscritti possa essere reso noto e ufficializzato in occasione della Conferenza Stampa prevista per martedì 29 maggio alle ore 11.30 presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell’Automobile Club di Lecce, nel corso della quale verranno presentati anche i dettagli tecnici del Rally del Salento in tutte le sue declinazioni (rally moderno, rally storico e raduno storico).

ANCHE LE STORICHE PROTAGONISTE

Due gare in una, un mix esaltante per palati fini. Il Rally del Salento “apre” quest’anno alle vetture storiche. In contemporanea alla competizione moderna, si svolgerà infatti il 1°Rally Storico del Salento, nuova proposta sportiva dell’Automobile Club Lecce voluta per soddisfare al meglio le aspettative e le crescenti richieste degli appassionati concorrenti. Seppur con molti elementi in comune, si tratta  di due gare a se stanti, una indipendente dall’altra. Aci Lecce con alle spalle una grande passione per il mondo dei motori e sulla scorta di una lunga esperienza organizzativa, ha studiato una formula, la quale con gli stessi tempi di un rally (le prime sette prove speciali), permette alle due gare di avere vita autonomia e la giusta visibilità senza interferire l’una con l’altra. Essendo alla sua prima edizione il Rally Storico del Salento si propone nel qualificato plateau di manifestazioni riservate ai rally storici senza validità.

DA ENTI E SPONSOR UN SOSTEGNO FONDAMENTALE

Un evento diventa grande e popolare se ben integrato nel territorio e sostenuto da Enti  e sponsor. Così è doveroso sottolineare come il successo del Rally del Salento che gode quest’anno del patrocinio della Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Melpignano  e Comitato Regionale CONI Puglia, si deve anche al supporto di AciSport, e Automobile Club d’Italia. Anche sul fronte sponsor, in un periodo di generalizzata difficoltà economica, ACI Lecce ha concluso alcuni accordi che permettono all'evento di mantenere un alto standard qualitativo. Aziende da anni partner della manifestazione, quali SARA, AUTOSAT e ACI Global hanno confermato il loro ruolo preminente. A loro si è aggiunto quest’anno SISAL PAY, il brand per i servizi di pagamento del Gruppo Sisal. Hanno poi unito il proprio nome e marchio al Rally anche FORTUNATO srl Costruzioni, Demolizioni Logistica, CANTINA FIORENTINO, LEADRI, MELEAM, CLIOCOM ed ECOM Servizi Ambientali.

******************************************

venerdì 25 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: Antonio Forato e Andrea Carella

I principali protagonisti della serie titolata in classe R5 offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.  

ANTONIO FORATO – IVAN GASPAROTTO (Ford Fiesta Evo 2 R5) – Il nuovo avvio di stagione nel CIWRC ha tutto un altro sapore per Antonio Forato. Lo scorso anno infatti il pilota di Castel Franco Veneto si è ritrovato a contare due ritiri in altrettante presenze dallo start del campionato. La seconda gara sfortunata fu proprio nel Rally 1000 Miglia che invece lo ha visto, quest’anno, lanciarsi tra i migliori di classe. Sfruttando l’uscita di strada di Carella, Forato è riuscito a guadagnare la prima posizione tra i conduttori R5 iscritti al campionato. Sarà il Salento a confermare le ambizioni dell’esperto driver ancora alla ricerca del miglior approccio sulla nuova Fiesta:

“I miei due precedenti al Salento sono entrambi molto positivi. Nel 2014 arrivò il sorprendente 3° posto assoluto con la Renault Clio S1600. Sono felicissimo di tornare a correre sulla “Santa Cesarea”, dove lo sfondo spettacolare del mare ti allarga il cuore ad ogni passaggio. Le prove in generale sono molto viscide e si corre tra i muretti senza riferimenti e tante ripartenze. Vedo favorite le Skoda. Per quanto riguarda la mia classe R5, ho visto molto competitiva la Peugeot 208 T16 R5 del team Munaretto con Andrea Carella. Una vettura che conosco bene, dato che l’ho utilizzata io lo scorso anno. Lo vedo avvantaggiato e già al Rally 1000 Miglia è andato molto forte. Io ho avuto qualche difficoltà di adattamento alla Ford Fiesta R5, molto diversa rispetto alla Peugeot, che invece è una vettura più reattiva e vicina allo stile kartistico che preferivo. L’appuntamento salentino sarà importante per provare a mantenere il comando di classe, ma non fondamentale, in quanto comunque mancheranno altre quattro gare alla fine. È ancora una stagione tutta da decidere. Tra le Wrc naturalmente Albertini parte da favorito.”

ANDREA CARELLA – ENRICO BRACCHI (Peugeot 208 T16 R5) – Il giovane pilota di Castel San Giovanni si è ambientato in fretta nella nuova realtà del CIWRC. Partenza lanciata per lui al debutto nella serie, che lo vedeva in lotta per la quinta posizione assoluta prima del banale errore che lo ha portato al capottamento, quindi al ritiro. Rimane la buona prestazione per il piacentino, che si era riuscito a mettere in evidenza al comando tra le R5 e per buona parte della gara davanti all’esperto rivale di classe Antonio Forato. Carella sarà quindi chiamato alla conferma, ma soprattutto a conquistare i primi punti per la rincorsa al comando della classifica R5 nel prossimo appuntamento in Salento.

“La mia prima e unica presenza al Salento risale al 2011 per il Trofeo Clio R3T nel CIR. Purtroppo non fu un’esperienza positiva per me. Non finì bene per una foratura che mi ha portato ad urtare un muretto e a ritirarmi. Si tratta di un rally molto complicato con strade strette, velocità elevate e muretti che possono causare la caduta di massi a bordo strada, compromettendo la gara a qualcuno. Ci sono diverse incognite e rischi. Al Rally 1000 Miglia ero contento per il buon avvio di gara, poi purtroppo è finita male. Le sensazioni ricevute sono comunque buone, il mio feeling con la vettura sta migliorando e andrò in Salento per cercare di vincere tra le R5. Nonostante i buoni riscontri della prima gara, sarà difficile stare attaccato alle Wrc e ai piloti esperti, hanno un passo e un’arma importante in più. Poi ci sono gare che permettono di essere competitivi anche per l’assoluto, ma il Salento fa eccezione proprio per le caratteristiche delle piesse. Ci sarà da stare attenti, non sono permessi errori.”

******************************************

giovedì 24 maggio 2018

Pedersoli sarà al volante di Citroen DS3 WRC dal Rally del Salento

Il bresciano, dopo aver annunciato il passaggio in Vieffecorse, si presenterà al secondo appuntamento del Campionato Italiano WRC con la nuova vettura

Luca Pedersoli vuole cambiare passo dopo l’esordio amaro nel Rally 1000 Miglia. L’esperto driver bresciano sta quindi effettuando un cambio di rotta, già in vista della gara salentina, per cercare di ritrovare convinzione e rientrare nuovamente in lotta per il vertice del CIWRC. La scorsa settimana Pedersoli aveva infatti annunciato l’accordo con la scuderia Vieffecorse, che lo supporterà per il resto della stagione. La seconda novità è stata invece ufficializzata proprio nelle ultime ore. Il vincitore della prima edizione della serie tricolore WRC correrà quindi su Citroen DS3 Wrc 1600 preparata per lui da PH Sport.

“Un cambiamento così repentino, a stagione in corso, non è affatto vantaggioso. Sicuramente non avrei potuto correre, almeno per il Salento, con la vecchia Citroen C4. Ringrazio PH Sport, che rimane una garanzia di eccellenza, per il lavoro che stanno facendo. Sono stato in Francia proprio in questi giorni e ho seguito da vicino le operazioni. Sono contento per la nuova avventura, anche con Vieffecorse che ha scelto di affiancarmi. Spero di trovare presto il feeling con una vettura che ha qualità e caratteristiche differenti dalla precedente.”

******************************************

giovedì 24 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: "Pedro”

I principali protagonisti della serie titolata offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.  

“PEDRO” - Emanuele Baldaccini (Hyundai i20 NG Wrc) – L’esperienza del driver di Brescia nel CIWRC è in continua evoluzione. Dal debutto della passata stagione tra le regine dei rally infatti, il poliedrico pilota della HMI ha proseguito la sua crescita nella serie con risultati altalenanti al volante della Hyundai i20 NG Wrc. Un percorso comunque positivo per chi come “Pedro”, nonostante il curriculum d’eccezione e una carriera ricca di esperienze differenti, si è ritrovato a gestire il potenziale di una delle vetture più performanti in circolazione in una nuova avventura tricolore. In più, durante la prima stagionale nel Rally 1000 Miglia, “Pedro” ha dovuto fare i conti con qualche guaio fisico che ne ha compromesso la performance davanti al suo pubblico. Proverà quindi a ritrovare il ritmo giusto al Salento, gara sconosciuta al bresciano che attende il debutto con curiosità

“Il Rally del Salento è una delle poche gare atipiche italiane dove non ho mai corso, ma ne ho sento sentito parlare proprio per la sua particolarità. Si può definire come la Ypres d’Italia, poiché ha delle caratteristiche fondamentali simili alla classica belga. Con quella gara dell’europeo ho un rapporto di amore e odio, proprio per la difficoltà che la contraddistingue e la rende unica quanto affascinante. Sono gare complesse da interpretare in maniera opposta al mio stile, sempre aggressivo e deciso. C’è bisogno di cautela e sangue freddo. In più c’è da dire che i nostri avversari hanno già corso qui, chi più chi meno, mentre per noi è una prima volta. Quindi avremo lo svantaggio nell’esperienza. È pur sempre vero che non andremo in Salento per vincere, ma per proseguire il nostro percorso. Purtroppo ho pesanti risentimenti fisici dopo l’incidente di Cassino e basta sentire i camera car per capire come io non sia in forma. Su queste macchine paghi ogni defezione in termini di secondi. Ho un importante spostamento del bacino che cerco di curare anche con il lavoro fisico, che faccio costantemente. Sembro sulla via del miglioramento e speriamo di fare passi in avanti prima della gara pugliese.”

Emanuele Baldaccini: “Anche per me sarà un debutto nel Rally del Salento. Andrò in Puglia con le migliori aspettative. Sono contento di poter correre lì. Allo stesso tempo sarà una gara difficile da interpretare, a maggior ragione perché si tratta della mia prima esperienza. Contiamo comunque di fare un passo avanti rispetto al Rally 1000 Miglia, che per noi è stato un esordio stagionale complicato.”

******************************************

mercoledì 23 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: Luca Pedersoli

I principali protagonisti della serie titolata offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.

LUCA PEDERSOLI – ANNA TOMASI (Citroen C4 Wrc) Ancora una falsa partenza per Luca Pedersoli. L’esperto bresciano, colpito ancora da problemi meccanici, non è riuscito suo malgrado a tramutare in punti gli ottimi riscontri cronometrici ottenuti sulle strade di casa. Il secondo ritiro consecutivo nella sua Brescia ha quindi stemperato il suo rientro a tempo pieno nel CIWRC ma, con una stagione ancora tutta da vivere, sarà interessante osservare la reazione del driver vincitore nel 2014 della prima edizione per la serie. Una ripartenza che Pedersoli proverà a mettere in atto già dal prossimo appuntamento in Salento, per il quale ha in serbo diverse novità.

“Arrivo da due anni di delusioni al Rally 1000 Miglia, che ultimamente sembra una gara stregata per me. Quest’anno ho avuto problemi al motore già da fine shakedown, ma non potendo di certo sostituirlo mi sono trascinato per quanto ho potuto. Sono molto rammaricato. Per quanto riguarda la mia stagione nel CIWRC mi sono giocato lo scarto, quindi credo sia già compromessa. Ma voglio riscattarmi già dal prossimo appuntamento, motivato anche da alcune novità. A partire dal Salento tornerò con Vieffecorse, dopo la vittoria nel TRA 2010. Spero sia uno stimolo importante. Ringrazio la mia squadra precedente, ma c’è la necessità di provare a cambiare qualcosa dopo due battute d’arresto e due anni negativi. Anche personalmente cercherò dare di più dal punto di vista sportivo e della preparazione. Ci vorrà tempo per assorbire il cambio, ma speriamo comunque di toglierci delle soddisfazioni durante l’anno.

Il Rally del Salento è una gara difficile e particolare. Ci saranno alcune prove classiche, come la Specchia e la Martignano, che non so se corrispondano effettivamente a quelle sulle quali ho corso nel 2016. Sono tratti cronometrati particolari e probanti. Credo che i piloti supportati da Pirelli saranno favoriti. Già in passato il Rally del Salento è stato vinto spesso da chi montava gomme Pirelli. Sembra che riescano ad avere un vantaggio consistente. Non mancheranno comunque molti avversari validi con Michelin, primo su tutti naturalmente Albertini. Saranno sempre molti i grandi piloti e avversari, ci sarà battaglia.”

******************************************

mercoledì 23 maggio 2018

51°Rally del Salento: in programma un incontro tra Commissione Rally e protagonisti del CIWRC

La riunione è prevista venerdì 1 Giugno alle ore 15.00 presso la Sala Stampa del Rally situata all'ex- Convento degli Agostiniani a Melpignano (LE)

Mercoledì 23 giugno 2018 – La gara salentina organizzata da AC Lecce, in programma per il 2 e 3 giugno prossimi, ritorna nel calendario della serie tricolore dedicata alle World Rally Car. In occasione dell'appuntamento pugliese si svolgerà un incontro tra gli organizzatori del 51° Rally del Salento, la Commissione Rally AciSport e i principali protagonisti del campionato.

L’iniziativa indetta da Daniele Settimo, presidente della Commissione Rally, è stata ideata nell’intento di ascoltare le necessità di tutti i componenti del campionato addetti alle vicende sportive. Sarà quindi un’altra importante occasione di confronto diretto tra le parti impegnate nella competizione. Invitati alla riunione tutti gli equipaggi iscritti alla serie, oltre ai team e scuderie.

******************************************

mercoledì 23 maggio 2018

Gara test per "Pedro” ed Emanuele Baldaccini all'Isola d'Elba in preparazione al Rally del Salento

I portacolori della Daytona Race saranno al via della gara valida per il Campionato Regionale che si corre in concomitanza con la prova del CIR

(Comunicato Ufficio Stampa) 

La voglia di conoscere al meglio una vettura con un passato nel Mondiale Rally per poi dare il meglio di se non ha mai lasciato l'equipaggio della Daytona Race, e così “Pedro” ed Emanuele Baldaccini in previsione della prossima tappa del Campionato Italiano Rally WRC nel Salento, hanno scelto le strade amiche dell'Isola d'Elba per continuare il percorso di approfondimento con la Hyundai i20 NG WRC.

L'occasione è arrivata con la prova del Rally Nazionale valido per il Campionato Regionale che si svolgerà nel fine settimana assieme alla più nota e titolata gara di Campionato Italiano Rally.

Per motivi regolamentari la vettura con cui scenderanno in gara non sarà chiaramente la WRC ma la i20 R5 della HMI, un'auto che ha molto in comune con la sorella maggiore come spiega lo stesso “Pedro”: “La versione R5 è poco distante dalla WRC che solitamente utilizziamo, è uno step inferiore a livello di assetto e l'uso della valvola pop-off ci obbligherà a gestire al meglio il regime del motore, ma va bene così, al momento stiamo cercando di rimetterci al passo con vetture veramente di altissimo livello, e più chilometri ci passiamo sopra meglio è”.

L'unico rammarico è non essere al via della gara più titolata delle due che si correranno nel week-end all'Isola d'Elba: “Purtroppo, con il Salento in programma la prossima settimana sarebbe stato impossibile per noi preparare adeguatamente la partecipazione ad una prova di Campionato Italiano, troppo lunga ed impegnativa, sopratutto in termini di giorni - spiega “Pedro” - siamo però molto contenti di tornare a correre all'Isola d'Elba, sia per me che per Emanuele per svariati motivi è quasi un luogo d'adozione”.

Di certo a “Pedro” i bei ricordi non mancano pensando all'isola dell'arcipelago toscano: quando militava – e dominava - nei campionati di auto storiche aveva portato a casa tre bellissime vittorie, di cui una quasi epica quando con la leggendaria Lancia Rally 037 in una gara tormentata dalla pioggia concluse davanti a tutti compresi gli avversari dotati di più “giovani” vetture a trazione integrale.

“Adesso il percorso è cambiato rispetto a quando ci avevo corso io - racconta “Pedro” - ma va bene così, è sempre bello e noi facciamo esperienza come se fossimo nell'italiano, con soli tre passaggi, non dobbiamo dimenticare che siamo qui per migliorare il nostro feeling con queste vetture.”

******************************************

martedì 22 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: Paolo Porro

I principali protagonisti della serie titolata offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.

PAOLO PORRO – PAOLO CARGNELUTTI (Ford Fiesta Wrc) Il Campionato attende uno dei suoi protagonisti. Il veterano della categoria Paolo Porro si è lanciato nella nuova stagione tra le WRC con lo stesso entusiasmo della prima edizione, ma il nuovo esordio del 1000Miglia non ha lasciato segnali confortanti. La prima uscita dell’anno ha evidenziato ancora qualche difficoltà per il lariano, che ha patito problemi ai freni durante la gara riuscendo comunque a piazzarsi al sesto posto e conquistare i primi punti. Dopo il passaggio alla Fiesta Wrc infatti il driver di Como sembra ancora alla ricerca del feeling definitivo, non riuscendo nuovamente ad esprimersi sui livelli che hanno caratterizzato le sue stagioni precedenti. Proprio il Rally del Salento, gara selettiva che Porro ha già affrontato recentemente, potrebbe offrirgli l’opportunità giusta per riproporsi nella lotta per il vertice del campionato. E la sua battuta di chiusura, con un sorriso, lascia intravedere ottime possibilità:

“Ho corso tre volte in passato al Rally del Salento. La prima nel 2009 con Lorenzo Granai, poi due presenze consecutive affiancato da Anna Tomasi nel 2015 e 2016, sempre su Ford Focus Wrc. È una gara nelle mie corde, ma sicuramente molto particolare. C’è la necessità di essere sempre concentrati al 100%. Mi piace molto questo Rally e, anche se nelle mie tre edizioni disputate non ho mai avuto fortuna, i riscontri cronometrici ci sono sempre stati. Le prove sono tutte difficili e selettive, ma fortunatamente le conosco. In particolare la “Specchia” è la prova tipica del Salento. Sarà la prima volta in quel rally con Paolo Cargnelutti e per lui si tratta di un esordio. Il mio pronostico per la gara? Porro davanti e dietro tutti quanti!

******************************************

lunedì 21 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: Simone Miele

I principali protagonisti della serie titolata offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.  

SIMONE MIELE – LISA BOLLITO (Citroen DS3 Wrc) Il pilota milanese cerca conferme. Il 2018 può rivelarsi la stagione della sua definitiva consacrazione tra i big della serie, tra i quali spesso è già riuscito ad inserirsi e mettersi in mostra con piazzamenti da podio. Dalle prime apparizioni nel CIWRC al terzo posto di Brescia, il pilota supportato da Top Rally ha messo da parte un ottimo bagaglio di esperienza superando a pieni voti il periodo di adattamento. Il prossimo banco di prova per Miele si chiama Rally del Salento, una delle gare più complesse del calendario per la quale sarà chiamato ad un nuovo esame al volante della Citroen DS3. 

Dopo il Rally 1000 Miglia ho voluto vedere il bicchiere mezzo pieno. È stata la prima volta con pneumatici Michelin, quindi abbiamo avuto un approccio più cauto e nonostante tutto è andata bene e abbiamo ottenuto un risultato soddisfacente. A maggior ragione perché, dopo l’esperienza dello scorso anno, credo che il 1000 Miglia sia la gara più difficile di tutta la stagione. Per quanto riguarda il Salento invece è una gara che non ho mai corso. Ho comunque studiato le prove e visto le immagini. Due speciali dovrebbero essere identiche al passato, mentre una per gran parte simile alle versioni precedenti. Si tratta di una gara strana e un rally atipico. Me lo avevano detto anche dell’Elba lo scorso anno e alla fine andò molto bene, quindi non so cosa aspettarmi ma rimango fiducioso. Si tratta per l’esordio pugliese anche per Lisa Bollito. Ne abbiamo parlato insieme anche con Luca Cantamessa, che ha corso in Salento nel CIR, lui mi ha suggerito come passare tra i muretti ed evitare i sassi. La prova litoranea sembra molto divertente, simile a quella dell’Elba. In più la mia DS3 Wrc ha già corso nel Rally del Salento, con un altro team, quindi la base di partenza della macchina dovremmo averla. Poi faremo dei test a ridosso della gara per prepararci tutto al meglio. Tra i miei avversari Stefano Albertini rimane necessariamente il riferimento. Al 1000 Miglia anche Corrado Fontana è andato molto forte e credo che continuerà a spingere per tutto il campionato. Lo scorso anno è stato di ambientamento anche per lui, quindi quest’anno avrà un’esperienza in più per poter puntare definitivamente al titolo. Per il Salento vedo avvantaggiato anche Paolo Porro, lui è uno dei pochi ad aver corso questa gara di recente.”

******************************************

venerdì 18 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: Corrado Fontana

I principali protagonisti della serie titolata offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.  

CORRADO FONTANA – NICOLA ARENA (Hyundai i20 NG Wrc) La gara d’apertura del 1000 Miglia ha ribadito gli equilibri della passata stagione. Corrado Fontana è stato il principale antagonista del leader Albertini. Il suo secondo posto e il distacco contenuto rispetto alla vetta lo candidano nuovamente alla corsa per il titolo della serie tricolore. Sono gli stessi riscontri cronometrici a riconoscere l’ottima prestazione del driver lariano, con le tre prove speciali conquistate a Brescia che confermano il feeling ormai eccellente con Arena sulla vettura coreana, proiettandolo nuovamente alla battaglia per la vittoria nel prossimo episodio salentino.

“Sarà una gara nuova per me. L’unica mia apparizione in Salento è addirittura del 1994 nel Trofeo 500. Ricordo un po' le caratteristiche particolari delle prove, che rimangono impresse facilmente. Speciali con allunghi, molti bivi a 90°, muretti e fondo sporco. Sicuramente affrontarle con una WRC sarà tutta un’altra cosa. Anche Nicola Arena ha partecipato qualche volta, ma diversi anni fa. Questo è un Rally unico e un po' anomalo, non ce ne sono altri in Italia, molto più simile ad una gara all’estero come Ypres dove è facile commettere errori. Voglio puntare alla vittoria, un altro secondo posto non sarebbe il massimo. In più Albertini l’ho visto in crescita già dal 1000 Miglia, non è un pilota che sbaglia facilmente quindi non possiamo lasciare nulla al caso. Sarà una gara importante alla quale seguirà una altrettanto complessa come il Rally della Marca, dove ci saranno molti altri avversari importanti. Ci sarà da lottare.”

******************************************

venerdì 25 maggio 2018

Iscrizioni in chiusura per il 51° Rally del Salento

Cresce l'attesa per la prestigiosa competizione salentina che quest'anno propone, accanto alle vetture moderne, anche le autostoriche. Martedì 29 maggio la conferenza stampa di presentazione presso la sede ACI di Lecce

(Comunicato Ufficio Stampa 51°Rally del Salento) 

Prosegue l’avvicinamento all’edizione numero 51 del Rally del Salento, secondo atto del Campionato Italiano Wrc in programma in provincia di Lecce l'1 e 2 giugno.

Il lavoro dello staff organizzativo che fa capo all’Automobile Club di Lecce prosegue senza sosta. E mentre l’elenco dei protagonisti si va arricchendo di minuto in minuto, si stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli di una manifestazione rinnovata soprattutto nella logistica e con qualche ritocco nel percorso. Un cambiamento quasi radicale che ha richiesto un grande sforzo sia nell’istaurare  nuovi rapporti di collaborazione con le istituzioni locali che hanno tutte accolto con favore la possibilità di avere un coinvolgimento nella manifestazione, che nel pianificare l’allestimento di una logistica totalmente inedita e molto compatta. L’accordo con la Fondazione “La Notte della Taranta”, Ente che organizza il più importante Festival di musica popolare d’Europa, volto a promuovere e valorizzare la crescita e l’immagine del territorio salentino e che darà alla manifestazione un ulteriore tocco d’internazionalità, ha permesso di individuare nella cittadina di Melpignano, la location ideale per l’espletamento di tutte le varie fasi di gestione dell’intero evento: quartier generale, verifiche, riordinamenti e assistenza. Faranno certamente sensazione la partenza in pieno centro storico, in Piazza San Giorgio e l’arrivo con la cerimonia di premiazione dei vincitori nel piazzale antistante l’Ex Convento degli Agostiniani. Il percorso è in larga parte ricavato dalla tradizione con 10 prove speciali (Martignano, Santa Cesarea e Specchia da ripetere tre volte). Un esordio assoluto lo riserva il tratto cronometrato d’apertura, allestito in configurazione Prova Spettacolo e che per la prima volta si svolgerà a Melpignano. Gli organizzatori comunicano che per mantenere la sede stradale il più possibile pulita, lungo i tratti interessati dalle prove speciali, verranno posizionate postazioni “anti taglio”.

ISCRIZIONI IN CHIUSURA. MARTEDI LA PRESENTAZIONE

Scade infatti alle ore 23 di oggi il termine ultimo per l’invio della richiesta di partecipazione (modulo on line su www.rallydelsalento.info) a una gara di assoluto prestigio nel panorama sportivo tricolore. Per la felicità del pubblico saranno certamente presenti molti equipaggi di spicco del rallysmo italiano a bordo delle potenti vetture WRC chiamati a lottare per la conquista di importanti punti campionato. Ad essi si aggiungeranno i concorrenti che nella medesima serie tricolore hanno nel mirino le varie coppe di categoria e i Trofei promozionali (Michelin, Suzuki, Renault) ma anche chi punta a partire col piede giusto nella Coppa Italia Rally 4^ Zona  e chi invece cercherà conferme o avrà sete di riscatto nell’ambito del Campionato Regionale. Per conoscere i primi nomi bisognerà aspettare i primi giorni della prossima settimana. Probabile che l’elenco completo degli iscritti possa essere reso noto e ufficializzato in occasione della Conferenza Stampa prevista per martedì 29 maggio alle ore 11.30 presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell’Automobile Club di Lecce, nel corso della quale verranno presentati anche i dettagli tecnici del Rally del Salento in tutte le sue declinazioni (rally moderno, rally storico e raduno storico).

ANCHE LE STORICHE PROTAGONISTE

Due gare in una, un mix esaltante per palati fini. Il Rally del Salento “apre” quest’anno alle vetture storiche. In contemporanea alla competizione moderna, si svolgerà infatti il 1°Rally Storico del Salento, nuova proposta sportiva dell’Automobile Club Lecce voluta per soddisfare al meglio le aspettative e le crescenti richieste degli appassionati concorrenti. Seppur con molti elementi in comune, si tratta  di due gare a se stanti, una indipendente dall’altra. Aci Lecce con alle spalle una grande passione per il mondo dei motori e sulla scorta di una lunga esperienza organizzativa, ha studiato una formula, la quale con gli stessi tempi di un rally (le prime sette prove speciali), permette alle due gare di avere vita autonomia e la giusta visibilità senza interferire l’una con l’altra. Essendo alla sua prima edizione il Rally Storico del Salento si propone nel qualificato plateau di manifestazioni riservate ai rally storici senza validità.

DA ENTI E SPONSOR UN SOSTEGNO FONDAMENTALE

Un evento diventa grande e popolare se ben integrato nel territorio e sostenuto da Enti  e sponsor. Così è doveroso sottolineare come il successo del Rally del Salento che gode quest’anno del patrocinio della Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Melpignano  e Comitato Regionale CONI Puglia, si deve anche al supporto di AciSport, e Automobile Club d’Italia. Anche sul fronte sponsor, in un periodo di generalizzata difficoltà economica, ACI Lecce ha concluso alcuni accordi che permettono all'evento di mantenere un alto standard qualitativo. Aziende da anni partner della manifestazione, quali SARA, AUTOSAT e ACI Global hanno confermato il loro ruolo preminente. A loro si è aggiunto quest’anno SISAL PAY, il brand per i servizi di pagamento del Gruppo Sisal. Hanno poi unito il proprio nome e marchio al Rally anche FORTUNATO srl Costruzioni, Demolizioni Logistica, CANTINA FIORENTINO, LEADRI, MELEAM, CLIOCOM ed ECOM Servizi Ambientali.

******************************************

giovedì 17 maggio 2018

Verso il Rally del Salento. Le voci dei piloti: Stefano Albertini

I principali protagonisti della serie titolata offrono una panoramica in vista del secondo atto per il CIWRC

Chiusa la prima parentesi d’esordio con il Rally 1000 Miglia, il Campionato Italiano WRC punta verso il secondo episodio stagionale. Il 51° Rally del Salento farà infatti il suo ritorno sulla scena nazionale dedicata alle World Rally Car dal 31 maggio al 2 giugno prossimi, quando le performanti protagoniste dei rally mondiali si sfideranno sui selettivi tratti cronometrati pugliesi. Una cornice di straordinario fascino e prove speciali selettive quanto caratteristiche offriranno agli equipaggi un’occasione unica per dare spettacolo. Abbiamo raccolto il commento dei migliori interpreti della gara iniziale proprio in ottica della data salentina organizzata dall’ AC Lecce.   

STEFANO ALBERTINI – DANILO FAPPANI (Ford Fiesta Wrc) Non poteva iniziare meglio la stagione del campione in carica. Il comando del CIWRC rimane nelle mani del driver bresciano anche dopo la prima uscita. Nel Rally 1000 Miglia però il talento di casa ha dovuto tener testa al ritmo incalzante degli avversari su Wrc, con un Corrado Fontana sempre alle costole al volante della rivale coreana. Sarà interessante osservare il nuovo confronto del Salento, gara notoriamente selettiva e ricca di incognite che attende Albertini ad una nuova conferma.

“Ho corso il Rally del Salento una sola volta nel 2010, quando correvo con la Clio R3 nel Campionato Italiano Rally Junior. La gara mi era piaciuta e ho dei bei ricordi. Il Rally del Salento è molto particolare come tipologia di strade e prove rispetto agli altri appuntamenti del campionato. Ricordo un asfalto abbastanza scivoloso e molti bivi, alcuni nascosti che si vedono poco e dove si arriva molto forte. In generale si tratta di una gara tosta, non facile secondo me da interpretare. Mi aspetto un rally combattuto e spero di essere competitivo come al 1000Miglia. Ci sono diversi equipaggi che secondo me saranno forte in Salento, in primis Corrado Fontana che a Brescia ha già dimostrato di essere molto veloce e credo che sarà altrettanto competitivo a Lecce. Sarà importante avere un buon feeling con la macchina e per questo so di poter contare sul team e su tutta squadra. Inoltre sarà fondamentale prendere bene le note durante le ricognizioni, per riuscire poi ad interpretare al meglio le prove da subito.”

******************************************

giovedì 3 maggio 2018

Michelin Rally Cup: il "ghepardo” Albertini domina il 42° Rally Mille Miglia

Sono ventidue dei 42 partenti da Salò i piloti al traguardo partecipanti alla Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand con Stefano Albertini mattatore assoluto, Simone Miele quarto; Giampaolo Bizzotto è vincitore di classe. La sfortuna ferma prima del termine Luca Pedersoli e Andrea Carella.

(Comunicato Ufficio Stampa)

Nulla di nuovo sotto il sole nella Michelin Rally Cup. Stefano Albertini riprende il cammino 2018 dallo stesso punto in cui lo aveva lasciato a fine 2017. Ovvero dal gradino più alto del podio della classifica assoluta di gara e della Coppa indetta dalla Casa di pneumatici di Clermont Ferrand. Il pilota bresciano si dimostra subito degno del titolo di “leone” (dall’appellativo di “leonessa d’Italia” con cui è chiamata la sua città), siglando subito il miglior tempo nella breve prova speciale di apertura del venerdì sera sul circuito South Garda Karting di Lonato; quindi saluta tutti e se ne va. Lasciando agli avversari solo tre delle nove speciali, di cui una (Passo Fobbia-2) per mezzo secondo. La superiorità del pilota di Vestone, affiancato come sempre dal quasi concittadino Danilo Fappani, sulla Ford Fiesta WRC, è tale che Albertini da leone diventa ghepardo, iniziando la fuga nella Michelin Rally Cup e nel Campionato Italiano Rally WRC. Da segnalare la buona prova di Simone Miele, affiancato da Lisa Bollito con la Citroën DS3 WRC, per la prima volta in gara con pneumatici Michelin, autore di una gara di spessore che si conclude a ridosso del podio.

La classifica della Michelin Rally Cup vede al terzo posto Stefano Bizzotto-Sandra Tommasini, dodicesimi assoluti alla fine, che salgono sul podio assoluto della Classe S2000 e precedono nella Michelin Rally Cup Domenico Erbetta-Valerio Silvaggi, autori di una gara di apprendistato con la Ford Fiesta R5, e Luca Fiorenti-Debora Duico, che portano a casa la coppa dei più veloci di Classe R3C. La sfortuna colpisce Luca Pedersoli-Anna Tomasi, Citroën C4 WRC, costretti allo stop sulla quinta prova speciale mentre lottavano per salire sul podio, ed Andrea Carella-Enrico Bracchi, fermi nella prova successiva con la loro Peugeot 208 R5, quando erano sesti assoluti e secondi di categoria a pochi secondi dal vertice. Stop anche per l’equipaggio femminile Lorella Rinna-Chiara Ascalone, ferme nella quinta prova, dopo che avevano appena conquistato il vertice di categoria con la loro Mini.

Classe WRC – Uomo da battere si conferma Stefano Albertini, che fa bottino pieno con la Fiesta WRC, confermandosi imprendibile sia nell’assoluta della gara sia nella Michelin Rally Cup. Ottima prestazione per Simone Miele, che conferma l’affidabilità sua e della Citroën DS3 WRC, battagliando sul filo del secondo con l’esperto concittadino Luca Pedersoli, fermato poco dopo metà gara dal motore della sua Citroën C4 WRC.

Classe R5/R4/A8 – Ancora una volta Andrea Carella dimostra la sua classe prendendo immediatamente il largo nella Coppa e lottando con i piloti più esperti cui dà filo da torcere nella classifica assoluta della gara. Purtroppo per il piacentino, il ritiro è in agguato e si ferma sulla sesta prova quando è ampiamente al comando di categoria della Michelin Rally Cup. Sicuramente dispiaciuto, ma non deve preoccuparsi. Lo scorso anno iniziò il Challenge Michelin nello stesso modo, ritirandosi alla prima gara e non lasciando poi il minimo spazio agli avversari in quelle successive. Gara tattica per Domenico Erbetta, che prende il comando del Raggruppamento e nel contempo migliora il suo feeling con la non semplice Fiesta R5, con cui è alla seconda esperienza.

Classe S2000/RGT/N4/K11 – Successo pieno di Giampaolo Bizzotto, che riesce anche a portare a casa la coppa di classe S2000 del Rally 1000 Miglia, mantenendo a distanza il secondo classificato Paolo Comini, che ha ragione agevolmente di Tiziano Panato. Ritiro per Mauro Trentin, che si è fermato mentre si stava giocando la leadership nella raggruppamento di Michelin Rally Cup, emulando Stefano Liburdi, leader nelle prime due prove speciali e poi fermo sulla quarta prova. Tutti i concorrenti di questa categoria erano al volante di una Peugeot 207 S2000.

******************************************

giovedì 3 maggio 2018

Suzuki Rally Cup, la prima è di Corrado Peloso

Il 42° Rally 1000 Miglia, valido per il Campionato Italiano WRC 2018 e prova inaugurale del monomarca di Suzuki Italia, ha visto l'affermazione dell'aostano Corrado Peloso e del suo navigatore Filippo Iguera.

(Comunicato Ufficio Stampa Suzuki Italia)

Tra i protagonisti della prova bresciana Nicolas Parolaro e Jasmin Manfredi, secondi al traguardo al termine del duello con gli aostani vincitori, a bordo della Swift Sport 1.6 R1B.

A condurre la classifica assoluta grazie alla vittoria in gara è Peloso con 19 punti, seguito a due lunghezze da Parolaro. Terzo Pellè con 6 punti di distacco. 

La vittoria dell’equipaggio della Superba è maturata nel corso del secondo giro sulle prove speciali, più precisamente sulla PS7 “Passo Fobbia 2”, quando con un'ottima prestazione hanno sopravanzato Nicolas Parolaro e Jasmine Manfredi (Winners Rally Team) fino a quel momento al comando. Sulle restanti due speciali, nonostante il suo miglior tempo sulla lunga PS9, per altro vinta, Parolaro è arrivato al traguardo di Salò con 6,9 secondi di distacco permettendo a Peloso di festeggiare una meritata affermazione sulla pedana di Lungo Lago Zanardelli. Al terzo posto un costante Roberto Pellè con Giulia Luraschi (Destra 4 Squadra Corse), che nelle primissime fasi aveva occupato anche la seconda posizione concludendo con un distacco di 29,2 dai vincitori.

A chiudere questa prima spettacolare e incerta tappa della serie monomarca di Suzuki Italia, con ben 11 Swift al via, buona la prestazione di Cibien e Bogo, quarti assoluti, davanti a Longo, Pollarolo, Schileo, Manica, Cornero e Lunelli. Sfortunato invece è Gnali, fermatosi nella penultima prova speciale.

Suzuki Rally Cup Classifica Rally 1000 Miglia:  1. Peloso e Iguera (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B - La superba) in 1h45'49.1; 2. Parolaro e Manfredi (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B - Winners Rally Team) a 6.9; 3. Pellè e Luraschi (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B - Destra 4) a 29.2; 4. Cibien e Bogo (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B - For Sport) a 1'28.8; 5. Longo e Bazzanella (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B -Destra 4) a 1'37.3; 6. Pollarolo e Pozzoni (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet RSTB ) a 4'06.8; 7. Schileo e Finzi (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B -Winners Rally Team) a 4'37; 8. Manica e Danese (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B) a 6'24; 9. Cornero e Piccardo (Suzuki Swift Sport 1.6 R1B) a 7'03.5; 10. Lunelli e Morelli (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet RSTB) a 8'32.

Suzuki Rally Cup:  1. Peloso punti 19; 2. Parolaro 17; 3. Pellè 13; 4. Cibien Davide 10; 5. Longo 8; 6. Pollarolo 7; 7. Schileo 6; 8. Manica 5; 9. Cornero 4; 10 Lunelli

Navigatore: 1. Iguera Punti 19; 2. Manfredi 17; 3. Luraschi 13; 4. Bogo 10; 5. Bazzanella 8; 6. Pozzoni 7; 7. Finzi 6; 8. Danese 5; 9. Piccardo 4; 10. Morelli 3

******************************************

mercoledì 2 maggio 2018

Forato sale sul podio tra le R5 al Rally 1000 Miglia

La fusione tra Xmotors e Jteam si traduce in un buon terzo posto, di classe R5, ottenuto dal pilota di Castelfranco Veneto, alla guida di una Ford Fiesta.

(Comunicato Ufficio Stampa XMotors)

L'unione fa la forza ed ecco ben presto svelato il trucco dell'ottimo avvio di stagione di Antonio Forato che, nel recente weekend, ha centrato la terza piazza in classe R5, in occasione della quarantaduesima edizione del Rally 1000 Miglia.

rimo podio stagionale e primi, pesanti, punti in chiave Campionato Italiano WRC con il portacolori di Xmotors e Jteam che, nonostante la ruggine invernale e le incognite derivanti dal nuovo mezzo, la Ford Fiesta R5 curata da Assoclub Motorsport, e dalle nuove coperture Pirelli si è reso autore di una prova in crescendo, concreta e costante nei tempi, che lascia intravvedere ampi margini di miglioramento in vista del prossimo Rally del Salento.

“Abbiamo fatto una buona dose di fatica ad interpretare la Fiesta” – racconta Forato – “perchè, rispetto alla 208 che avevo usato in precedenza, ci sono differenze importanti, seppur siano entrambe R5. La Peugeot richiama molto il comportamento di un kart e, per questo, risulta molto più facile da mettere a punto e, quindi, da guidare. La Fiesta, che non avevo mai usato prima, si è rivelata molto più difficile da interpretare. Chiaramente non averla mai provata, se non prima dello shakedown, non ci ha aiutato. Era da Giugno dello scorso anno che non salivo su una vettura da rally e questo si è fatto sentire, specialmente nelle prime battute di gara.”

Con un elenco iscritti che vedeva al via big del rallysmo nostrano, come Perico, e giovani talentuosi, leggi il recente dominatore del Grifo Carella, per Forato, in coppia con Ivan Gasparotto, la prima nel CIWRC si presentava già ad un alto livello tecnico.

Dopo un avvio cauto al venerdì sera, chiuso con il quinto tempo, il pilota trevigiano rispondeva presente alla prima chiamata del Sabato con un buon quarto sulla “Gardone Riviera”.

Sempre a ridosso del podio Forato archiviava il canonico giro di boa, appena fuori dal podio, con la quarta piazza, nonostante problemi di setup che mandavano fuori temperatura le gomme.

Le indicazioni fornite ai ragazzi di Assoclub Motorsport hanno portato il lavoro nella giusta direzione ed il pilota della trazione integrale di casa Ford, uscito dalla service area, agguanta il terzo gradino del podio in classe R5, complice anche lo stop di Carella.

Valutato il margine sul primo dei diretti inseguitori, Forato mantiene un passo costante sulle ultime speciali in programma e rientra a Salò con i primi, importanti, punti in ottica tricolore.

“Seppur la classifica ci veda ben piazzati non siamo del tutto soddisfatti” – sottolinea Forato – “perchè abbiamo faticato a prendere le misure alla Fiesta, più impegnativa rispetto alla 208. Nel primo giro di prove abbiamo patito molto con l'assetto e con le gomme che andavano fuori pressione. Nel pomeriggio è andata decisamente meglio ma il lavoro da portare avanti è molto se vogliamo essere competitivi in tutti gli appuntamenti. Puntiamo a vincere.”

******************************************

lunedì 30 aprile 2018

Dal 2 maggio iscrizioni aperte al 51°Rally del Salento.

Il 51°Rally del Salento apre le iscrizioni. In programma per le giornate del 1 e 2 giugno il secondo appuntamento del Campionato Italiano Wrc proporrà un percorso di forte impatto con 10 prove speciali. Melpignano nuovo cuore pulsante della classica salentina.

(Comunicato Ufficio Stampa)

Il 51° Rally del Salento, organizzato come consuetudine dall’Automobile Club di Lecce e in programma per venerdì 1 e sabato 2 giugno, è ormai sulla rampa di lancio. Dopodomani, mercoledì 2 maggio, con l’apertura del periodo di iscrizioni comincia ufficialmente la marcia di avvicinamento al week end di gara che anche quest’anno coincide con la Festa Nazionale della Repubblica.

Da sempre innovativa, la prestigiosa manifestazione motoristica, tra le più longeve e apprezzate a livello nazionale, lo sarà anche in questo 2018. E dopo il cinquantenario celebrato lo scorso anno, ci si prepara ad una nuova edizione “speciale” che vede il fattivo coinvolgimento nell’organizzazione della Fondazione “La Notte della Taranta”. Un binomio quello sancito dieci giorni fa con la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra i due enti, volto a promuovere e valorizzare la crescita e l’immagine del territorio salentino. E da questa sinergia non poteva che nascere una proposta sportiva ricca di novità pur nel quadro della continuità qualitativa che ha consacrato la gara salentina nell’élite del rallysmo nazionale.

La cittadina di Melpignano, nel cuore della Grecìa Salentina, area di nove comuni in cui si parla una antico idioma d' origine greca, il griko e nota ai più per essere ogni anno la sede del concertone finale del Festival La Notte della Taranta, sarà attivamente coinvolta nella manifestazione e ospiterà tutte le fasi salienti della kermesse con la pedana di partenza che sarà ubicata in Piazza San Giorgio nel centro storico, quella d’arrivo nell’ampio spazio antistante la Chiesa e l’ex Convento degli Agostiniani. I riordinamenti e i servizi di assistenza che faranno da intervallo alle sfide con il cronometro troveranno invece sede rispettivamente presso il Palazzo Marchesale Castriota e la Zona industriale con le verifiche ante gara e il quartier generale  presso l’ex Convento degli Agostiniani. E proprio sulle strade adiacenti all’antica struttura religiosa sarà allestita la prova spettacolo d’apertura denominata La Taranta, principale novità anche dal punto di vista tecnico di questa edizione e in programma nella serata di venerdì 1 giugno sulla lunghezza di 3,60 km. Una inedita super speciale che sarà preceduta tra la tarda mattinata e il pomeriggio dallo Shakedown, il test con vetture da gara, che per la prima volta sarà allestito in contrada Padulaci a Soleto, un altro comune della Grecìa Salentina.

La giornata di sabato sarà poi quella dedicata alla lunga contesa sportiva con lo svolgimento delle prove speciali di Martignano (10.77 km) , Santa Cesarea  (10,55 km) e Specchia  (13,06 km) da ripetere tre volte, tratti cronometrati che fanno parte della tradizione motoristica salentina, per certi versi con caratteristiche dissimili l’uno dall’altro ma che restano tra i più impegnativi, selettivi e tecnici a livello nazionale. In sostanza verranno proposti nella stessa conformazione andata in scena lo scorso anno, con una leggerissima modifica che riguarderà solo la prova di Specchia, accorciata di poco più di un chilometro nella parte centrale. Il percorso di questa edizione del Rally del Salento avrà una lunghezza complessiva di 412,56 km mentre la distanza competitiva sarà pari a 106,74 km. Dal punto di vista sportivo la gara è valida quale seconda prova del Campionato Italiano WRC e costituirà un prezioso terreno di confronto per una stagione che anche per quanto visto a Brescia in occasione della gara d’apertura, si preannuncia combattuta e spettacolare grazie alla presenza di molti big della specialità. Il pubblico tornerà dunque ad ammirare i duelli con le regine delle corse su strada, le potenti vetture World Rally Car, auto già protagoniste delle scene mondiali che regaleranno il solito apprezzato spettacolo. Ma oltre che per la prestigiosa serie tricolore e per i suoi Trofei e Coppe al seguito, il Salento edizione 2018 è valido anche quale prova d’apertura della Coppa Italia Rally Quarta Zona e come terzo appuntamento del Campionato Regionale, il primo a coefficiente 1,5. Condivideranno tutti lo stesso percorso mentre saranno chiamati ad affrontare  un itinerario più breve (7 prove speciali invece di 10) i protagonisti desiderosi di prendere parte al 1°Rally Storico del Salento, un’ ulteriore e stimolante proposta sportiva dell’Automobile Club di Lecce, un modo raffinato ed elegante di proporre un’altra faccia delle corse su strada, quella con le vetture che hanno fatto la storia dell’automobilismo. Tempi di percorrenza e località di transito differenti invece per il 2°Raduno Storico del Salento che si dipanerà quasi completamente nel territorio della Grecìa Salentina.

Per perfezionare le iscrizioni al rally moderno e storico ci sarà tempo fino a venerdì 25 maggio, mentre il termine ultimo per l’invio della domanda di partecipazione al Raduno Storico è fissato per il lunedì antecedente (21 maggio).

Il modulo di iscrizione è scaricabile on line dal sito ufficiale della manifestazione reperibile all’indirizzo www.rallydelsalento.info e sul sito ufficiale di acisport.it

******************************************

lunedì 30 aprile 2018

Non parte con il piede giusto l'avventura nel CiWRC per "Pedro” ed Emanuele Baldaccini

I portacolori della Daytona Race chiudono il 42° Rally 1000 Miglia al settimo posto assoluto dopo una gara tormentata dai problemi fisici.

(Comunicato Ufficio stampa Daytona Race)

Purtroppo l'avvio stagionale di “Pedro” nel Campionato Italiano WRC non è iniziata nel migliore dei modi, anzi il settimo posto assoluto, alla luce dei problemi emersi in gara può già definirsi un risultato degno di nota.

Purtroppo ho sottovalutato i segnali della vigilia - inizia a spiegare il pilota bresciano – dopo la mia uscita di strada al recente Rally Lirenas ho iniziato ad avvertire dolori alla schiena che mi hanno portato a scoprire che l'impatto mi aveva causato una torsione del bacino. Pensavo fosse una cosa gestibile, ma sabato durante il primo giro ho subito denunciato una stanchezza fisica molto pesante.”

Un problema non da poco quando si devono portare al limite delle vetture che danno il meglio di se solo con una concentrazione totale come la Hyundai i20 WRC NG.

Infatti - prosegue - questa gara mi sarebbe dovuta servire anche per riprendere certi automatismi, ma invece fin dall'avvio mi sono ritrovato con il bacino, la schiena e le spalle bloccati e doloranti, questo chiaramente ha avuto ripercussioni sulla concentrazione necessaria per tirare fuori il meglio dalla mia vettura.”

Il secondo giro è andata meglio, con il portacolori della Daytona Race che riprendeva confidenza con l'auto nonostante i dolori non si attenuassero : “Sinceramente la tentazione è stata quella di ritirarmi, ma per rispetto della gara di casa e per i ragazzi dell'HMI ho preferito tenere duro ed arrivare al traguardo, anche se fisicamente e mentalmente è stata la gara più dura da quando corro in auto.”

Di certo questo problema non ha intaccato la passione e la volontà di “Pedro” nel proseguire l'avventura nel CiWRC, il pensiero è già alla prossima tappa in Salento, incoraggiato anche da un settimo posto assoluto arrivato in condizioni che di certo non gli hanno permesso di esprimere tutto il suo potenziale.

******************************************

lunedì 30 aprile 2018

Domenico Erbetta torna sui banchi di scuola al 1000 Miglia

La prima uscita del pilota di GDA Communication, nel Campionato Italiano WRC 2018, è votata all'apprendistato della Ford Fiesta R5 targata PR2 Sport.

(Comunicato Ufficio Stampa)

Domenico Erbetta era consapevole sin dalla vigilia che il passaggio nella classe R5, del Campionato Italiano WRC, lo avrebbe messo di fronte ad una sorta di anno zero, una ripartenza dopo un 2017 vissuto a lungo da protagonista.

Il portacolori di GDA Communication ha iniziato il proprio cammino nel tricolore dedicato agli specialisti dell'asfalto, scattato nel fine settimana con la quarantaduesima edizione del Rally Mille Miglia, con un sesto posto che delinea il chiaro intento di prendere confidenza con la Ford Fiesta R5, messa a disposizione dal team PR2 Sport.

La poca esperienza maturata su questa tipologia di vettura, nel recente Rally del Grifo, non poteva considerarsi sufficiente ad avere il sipontino già in grado di esprimersi al livello dei maggiori protagonisti della serie.

Con tanta umiltà e dedizione Erbetta, affiancato da Valerio Silvaggi alle note, ha lavorato duramente, assieme allo staff di PR2 Sport, ed è riuscito, di prova in prova, a progredire.

“Come avevamo preannunciato alla vigilia sarebbe stata molto dura” – racconta Erbetta – “e le nostre aspettative sono state confermate in pieno. Gara molto difficile, sia per il livello dei nostri avversari sia dal punto di vista fisico. Il percorso rinnovato si è dimostrato molto impegnativo, specialmente sul lato tecnico. Alla fine abbiamo affrontato una gara contro noi stessi. La poca strada percorsa al Palladio, lo scorso anno sotto il diluvio, ed al Grifo non possono essere valide per affrontare un campionato così duro. Partendo da questo punto di vista possiamo comunque considerare positivo il nostro primo weekend nel CIWRC. Grazie ai ragazzi di PR2 Sport abbiamo lavorato molto sulla vettura. Un passo dopo l'altro la stiamo cucendo sul nostro stile di guida. Non è per niente semplice ma il lavoro non ci spaventa. Abbiamo la determinazione giusta per raggiungere i nostri obiettivi e state certi che ci riusciremo.”

Il tutto veniva confermato già dalla prova speciale spettacolo del Venerdì sera, la “AC Brescia”, dove Erbetta, complice un'errata scelta delle gomme, si allontanava dalle posizioni di vertice della classe R5.

La prima tornata del Sabato mattina, che contava quattro tratti cronometrati, vedeva il portacolori della scuderia modenese variare il proprio stile di guida per cercare di trovare il giusto ritmo con la Fiesta.

Rientrati alla service area, al giro di boa di giornata, lo staff di PR2 Sport apportava nuove regolazioni che indirizzavano il pilota di Manfredonia nella giusta direzione, confortato dai riscontri cronometrici che ne decretavano un netto miglioramento.

“Le prime quattro prove ci sono servite a capire un po' di più la Fiesta” – sottolinea Erbetta – “e quando siamo arrivati al parco assistenza abbiamo apportato alcune variazioni al setup. Siamo soddisfatti perchè la via intrapresa è stata quella giusta ed i tempi si sono abbassati, non di poco, nel secondo giro. Ora ci prepariamo alla gara di casa, il Salento, per migliorare ancora.”

******************************************

lunedì 30 aprile 2018

Al 42°Rally 1000 Miglia, Corrado Fontana è secondo

Corrado Fontana e Nicola Arena su Hyundai i20 WRC non vincono ma convincono, a soli 14" dal Campione CiWRC in carica Albertini.

(Comunicato Ufficio Stampa)

Alla vigilia avevano promesso spettacolo e così è stato. Corrado Fontana (Hyundai i20 NG WRC – Team HMI) è stato l’unico, durante il 42° Rally 1000 Miglia, ad impensierire il campione in carica CiWRC Stefano Albertini (Ford Fiesta WRC).
 
I pronostici davano come dominatore assoluto e incontrastabile il pilota di Vestone, ma il comasco Corrado Fontana, insieme a Nicola Arena, ha interrotto l’egemonia di Albertini vincendo a sorpresa, proprio sulle strade di casa di Albertini, ben 3 prove speciali “staccando” tempi inarrivabili.
 
Alla partenza dell’ultima prova, con soli 9 secondi di vantaggio su Fontana, Albertini ha dovuto fare appello a tutte le sue grandi capacità per guadagnare quel margine per aggiudicarsi la vittoria, ottenuta con soli 14.1 secondi sul pilota HMI.
 
Ottimo feeling con la nuova vettura e con le Pirelli…abbiamo davvero tirato per arrivare a prendere Albertini, ma nel suo Rally di casa è ancora più forte. Ma è stata una gara combattutissima che fa ben sperare per il resto della stagione. Pubblico stupendo, ovviamente a favore di Albertini, ma splendido anche per noi…”

Queste le impressioni rubate a Corrado Fontana nel dopo gara.

Un Fontana davvero entusiasta per l’esordio che gli fa sognare una stagione totalmente diversa rispetto al 2017.
Chiude il podio Sossella su Ford Fiesta WRC, ma da sottolineare che Albertini e Fontana hanno fatto, come si dice, il “vuoto” dietro di loro.

Se il set up e il feeling si confermeranno buoni per il resto della stagione e se il Rally 1000 Miglia può essere preso come benchmark per definire i valori in campo, Albertini e Fontana saranno sicuramente i piloti da battere. Da segnalare il buon 7° posto di “Pedro” con la seconda Hyundai i20 WRC HMI, a conferma della competitività della squadra.

Ora piloti e squadre avranno giusto un mese di tempo prima del prossimo round, il 2°, del calendario CiWRC 2018: il 51° Rally del Salento in programma 1-2 giugno 2018.

******************************************

lunedì 30 aprile 2018

Simone Miele chiude in quarta posizione assoluta il Rally 1000 Miglia

Decisamente buona la prestazione del pilota olgiatese che come un anno fa, termina il difficile rally bresciano in quarta piazza al volante della Citroen DS3 WRC. Bilancio positivo vista la "prima” insieme a Lisa Bollito e soprattutto agli pneumatici Michelin.

(Comunicato Ufficio Stampa)

Il Campionato Italiano WRC è partito e sugli asfalti bresciani del celebre Rally 1000 Miglia, come un anno fa, ad occupare la quarta posizione vi è il pilota varesino Simone Miele, a bordo della Citroen DS3 Wrc.

A differenza della scorsa edizione però, il sorriso sul volto del pilota 29enne è ben più evidente dato che quest’anno erano molti gli elementi di novità che lo riguardavano e con essi le conseguenti incognite: Miele ha corso per la prima volta con la piemontese Lisa Bollito ed utilizzato pneumatici di marca Michelin scoprendo pass dopo passo, come la vettura reagiva alle sollecitazioni.

“Venivo da un brutto incidente al Rally dei Laghi” ha spiegato Miele sulla pedana di arrivo di Salò “e ammetto che nelle prime prove ho faticato a forzare l’andatura. Non conoscendo le gomme Michelin non sono riuscito fin da subito a capire quanto e come sfruttarle al meglio e con questo lotto di avversari non potevo certo aspettarmi un risultato migliore di questo!”

Miele passa poi ai ringraziamenti: “Il primo grazie va a Lisa perché ho deciso solo all’ultimo momento di correre il 1000 Miglia e lei si è subito resa disponibile aiutandomi con la sua professionalità e la sua bravura. Un grazie anche a tutto il team Dream One Racing che mi ha preparato ancora una DS3 di grande qualità!”

Con questo risultato, Simone Miele conquista otto punti nella classifica del CIWrc mentre è secondo nella graduatoria relativa alla Michelin Rally Cup.

******************************************

sabato 28 aprile 2018

Stefano Albertini e Danilo Fappani, Ford Fiesta Wrc, conquistano il 42°Rally 1000 Miglia

Alle spalle dei due piloti bresciani, hanno chiuso Corrado Fontana e Nicola Arena con la Hyundai I20 NG Wrc. Terzi assoluti Manuel Sossella e Gabriele Falzone con la Ford Fiesta Wrc.

Salò. Sabato 28 aprile 2018 – La classica gara lombarda, organizzata dall’Automobile Club Brescia, alla sua quarantaduesima edizione, ha aperto ufficialmente il Campionato Italiano Wrc, una serie dallo straordinario successo che si è aperta nel segno della recente tradizione del tricolore, con la vittoria che è andata ai campioni in carica Stefano Albertini e Danilo Fappani, su Ford Fiesta Wrc della Scuderia Mirabella MilleMiglia.  I due bresciani hanno ripreso il loro discorso sportivo, da dove l’avevano lasciato alla scorsa stagione, ricominciando dal gradino più alto del podio aggiudicandosi anche quest’anno il Rally 1000 Miglia, giunto alla sua 42^ edizione, al termine di una prestazione di assoluto livello che li ha visti realizzare il miglior tempo in sei dei nove tratti cronometrati. Una vittoria meritata, ma non certo un dominio assoluto come dimostrato dal risicato vantaggio, che li ha divisi alla fine dai secondi classificati Corrado Fontana e Nicola Arena, in gara con la Hyundai I20 NG Wrc. Il comasco alla guida della potente coreana, sulle strade di casa del suo avversario, ha lottato come un leone, dimostrando le grandi qualità del suo mezzo e giungendo secondo con un distacco di soli 14”1, dopo avere fatto registrare il miglior tempo in tre tratti cronometrati. Un campionato che si è aperto nel segno di una rinnovata incertezza con molti piloti che si sono dimostrati pronti a lottare per il titolo fino in fondo.  Tra questi, il vicentino Manuel Sossella affiancato da Gabriele Falzone a bordo della Ford Fiesta Wrc della Scuderia Palladio, che sofferto qualche problema al cambio e che ha concluso alla fine terzo ottenendo i primi punti importanti del campionato, o il milanese, Simone Miele, in coppia con Lisa Bollito su una Citroen Ds3, giunto quarto assoluto. Solo la sfortuna ha tenuto lontano dalla lotta per la vittoria anche due piloti, come Paolo Porro, in coppia con Paolo Cargnelutti al volante della Ford Fiesta Wrc, rallentato da una foratura, o come Luca Pedersoli, anche lui bresciano docg, fermato dalla rottura del motore della sua Citroen C4 wrc, mentre tentava un attacco decisivo proprio sulla lunghissima prova di Pertiche. Tra i protagonisti, anche se non iscritto alla serie wrc, anche il bergamasco Alessandro Perico insieme a Mauro Turati su una Skoda Fabia R5 giunti alla fine quinti assoluti e primi della categoria R5, vetture leggermente meno potenti della Wrc. Buona la prima gara per il veneto Antonio Forato con la Ford Fiesta Evo 2 che chiude nono assoluto e primo tra le R5 iscritte alla serie tricolore wrc.
Una bella lotta anche quella nel Suzuki Rally Cup tra gli undici equipaggi iscritti la sfida bresciana ha visto affermarsi Corrado Peloso e Massimo Filippo Iguera che hanno preso il comando delle operazioni nel corso del secondo giro di prove speciali e hanno portato a casa la vittoria davanti a Nicolas Parolaro e Jasmine Manfredi, vincitori di quattro speciali.Terzi assoluti del trofeo Roberto Pellè e Giulia Luraschi.

Classifica Assoluta Finale 42°Rally 1000 Miglia: 1.Albertini-Fappani (Ford Fiesta Wrc) in 1:25'48.5; 2. Fontana-Arena (Hyundai I20 NG Wrc) a 14.1 ;3. Sossella-Falzone (Ford Fiesta Wrc) a 1'15.3; 4. Miele-Bollito (Citroen DS3 Wrc) a 1’51.7;5. Perico-Turati (Skoda Fabia R5) a 1’54.8; 6.Porro-Cargnelutti (Ford Fiesta Wrc) a 2’52.1; 7.Pedro-Baldaccini (Hyundai I20 NG Wrc) a 4’46.8; 8. Catterina-Ometto (Ford Fiesta R5) a 5’12.0; 9.Forato-Gasparotto (Ford Fiesta Evo 2) a 5’58.2; Niboli-Fenoli (Skoda Fabia R5) a 6’19.5; 10.Pasquali-Pasquali (Skoda Fabia R5) a 6’18.9.

CLASSIFICA ASSOLUTA CIWRC: Albertini 15; Fontana 12; Sossella 10; Miele 8; Porro 5; Pedro 4; Forato 2.

******************************************

giovedì 26 aprile 2018

Michelin Rally Cup: quarantatré leoni all'assalto del 42° Rally Mille Miglia

Scatta dal lago di Garda la quarta edizione della Serie indetta dalla Casa francese di pneumatici. Tutti a caccia del bresciano Stefano Albertini, campione in carica. Al via anche i vincitori dell'edizione 2015 (Manuel Sossella) e 2014 (Luca Pedersoli). Occhi puntati anche su Andrea Carella, vincitore della Classe R2 la scorsa stagione e in particolare forma in questo inizio anno con la Peugeot 208 R5. Per la prima volta la Coppa vedrà al via anche un equipaggio femminile formato da Lorella Rinna-Giorgia Ascalone (Mini Cooper JCW)

(Comunicato Ufficio Stampa Michelin Rally Cup)

SALÒ (BS), 26 aprile – Parte nel migliore dei modi l’edizione 2018 della Michelin Rally Cup, che accende il semaforo verde venerdì 27 e sabato 28 aprile a Salò con la 42a edizione del Rally Mille Miglia. Al via della gara ci saranno 43 piloti iscritti alla Michelin Rally Cup, su 101 iscritti al rally. E per la prima volta ci sarà anche anche una pilotessa, rappresentata da Lorella Rinna, che si presenterà sulle sponde del Lago di Garda con una Mini Cooper in Classe R1-Nazionale affiancata da Giorgia Ascalone. 

Uomo da battere sarà anche per questa stagione Stefano Albertini, che nel 2017 si è imposto in cinque dei sei appuntamenti della Michelin Rally Cup. Affiancato come sempre dal concittadino Danilo Fappani, al volante della Fiesta WRC che lo rese vittorioso nel 2017, il bresciano dovrà vedersela in WRC con altri quattro pretendenti al titolo, fra i quali due dei vincitori delle tre precedenti edizioni della Michelin Rally Cup. Al via, infatti, troveremo il vicentino Manuel Sossella (affiancato da Gabriele Falzone sulla Fiesta WRC), vincitore nel 2015, e il comasco Luca Pedersoli (navigato come da tradizione da Anna Tomasi su Citroën C4), che nel 2014 si impose nella prima edizione della Michelin Rally Cup. Ma non saranno solo questi tre a puntare al risultato pieno nella coppa e nel Raggruppamento WRC: osservato speciale sarà il comasco Simone Miele, con Lisa Bollito al quaderno delle note, che dopo l’esperienza della scorsa stagione si candida come uno dei maggiori artefici della coppa con la sua Citroën DS3 WRC. Da seguire anche la gara del trentino Pierleonardo Bancher, con Giandomenico Longo sul sedile di destra della Fiesta WRC, che ha deciso di impegnarsi nelle gare al di fuori di quelle del Nord Est.

Duello a fuochi d’artificio nel Gruppo delle R5 con Andrea Carella (vincitore della categoria R2B lo scorso anno con quattro primi posti e un ritiro iniziale, tanto per dare sale alla competizione), affiancato da Enrico Bracchi, reduce da due gare al fulmicotone con la Peugeot 208 R5 con la quale ha conquistato il successo assoluto al Rally del Grifo e al Ciocco Nazionale. A contendergli il successo ci sarà Domenico Erbetta, vecchia conoscenza della Michelin Rally Cup (lo scorso anno chiuse terzo di S2000), che si è preparato disputando il recente Rally del Grifo, conquistando il podio affiancato da Valerio Silvaggi con la Fiesta R5.

Sono cinque gli iscritti alla Michelin Rally Cup in Raggruppamento S2000/RGT/N4, a cominciare dal veneto Mauro Trentin, grande specialista della terra, che passa all’asfalto affiancato da Michele Coletti con una Peugeot S2000 con cui dovrà trovare rapidamente il feeling dopo molte gare vissute al volante di Focus e Fiesta WRC. Immediatamente dietro, senza interruzione di continuità, scenderanno la pedana di Lungolago Zanardelli a Salò Stefano Liburdi-Andrea Colapietro, quarto di categoria nella Michelin Rally Cup 2017, quindi Giampaolo Bizzotto-Sandra Tomassini, che per questa stagione lasciano le gare venete per lanciarsi nelle gare della Coppa. Un minuto dopo affronteranno le prove speciali i locali Paolo Comini-Filippo Alicervi, protagonisti lo scorso anno di un’ottima gara al San Martino di Castrozza.

Ultimo a partire fra gli iscritti alla serie nella Classe S2000 sarà Tiziano Panato, con Michele Zandonà a dargli il ritmo, che proprio al Mille Miglia 2017 ottenne il suo miglior risultato stagionale chiudendo secondo di S2000.

Nel Gruppo S1600/A7/K10 sono tre i concorrenti della Michelin Rally Cup al via guidati dal vincitore 2017 della categoria, Paolo Menegatti, che conferma al suo fianco Matteo Gambasin; il pilota veneto vuole riscattare con la sua Clio S1600 un Mille Miglia 2017 non troppo fortunato. Luigi Alberti, con Gabriele Zanni alle note per la prima volta, cerca di ottenere maggior fortuna rispetto al 2017 che lo vide due volte al via e mai al traguardo della Coppa. Terzo a partire sarà il vicentino Giovanni Cocco, volto nuovo per la Michelin Rally Cup, che affiderà la gestione del ritmo a Matteo Valerio.

Come sempre ci sarà una vera schiera di concorrenti in Gruppo R3/RSTB con ben dieci piloti della Coppa iscritti alla gara del Lago di Garda. Si riprende con la sfida elettrizzante che lo scorso anno vide protagonisti Paolo Benvenuti-Sara Torrielli lottare sul filo dei decimi con Federico Bottoni-Daiana Ramacciotti, chiudendo nell’ordine la classifica di fine stagione. Non mancherà il terzo classificato 2017 Luca Ghegin, con Ivan Passeri nel ruolo di navigatore, ed il quarto di graduatoria Oscar Sorci, che ha chiamato al suo fianco Matteo Mosele. Sono stati protagonisti anche nel 2017 Luca Fiorenti-Debora Duico (ottimi terzi di categoria all’Elba 2017) e il locale Ugo Zanini con Virginia Lenzi; fra i volti nuovi in questa categoria della Michelin Rally Cup il primo a prendere il via sulle prove speciali sarà il reggiano Giuliano Giovanni, che torna in gara dopo otto anni di assenza con Stefano Costi; immediatamente dopo toccherà al siciliano di Partanna Andrea Nastasi, che attraversa l’Italia per affrontare il Rally Mille Miglia affiancato da Ivan Vercelli con l’obiettivo di confermare il successo di Classe R3C ottenuto al recente Rally di Cefalù. A sfidare le otto Clio R3 aspirate e turbo ci sono le Mini Cooper John Cooper Works di Michele Novaglio-Alberto Ferlinghetti e del nuovo ingresso nella Michelin Rally Cup Michele Lucchini, recente vincitore della Classe RS Plus al Rally del Pizzocchero in Valtellina, sempre insieme ad Antonio Tognolini.

Nel 2018 la Classe N3 è stata separata dalla categoria R2/A&/RSTB ed i due protagonisti della scorsa stagione con le Clio RS si sono prontamente ripresentati ai nastri di partenza. Sul Garda rivedremo quindi un duello fra le due sponde del lago fra i veronesi Alessandro Boschetti-Giulia Garbin e i bresciani Paolo Reccagni-Giovanni Manfredini.

Si conferma la categoria numericamente principe della Michelin Rally Cup, la R2/A6/R1 Nazionale, che conta di ben 16 vetture: 12 di Classe R2B, due di Classe A6 e due Mini Cooper S di Classe R1 Nazionale. Assente Andrea Carella, migrato nella R5 della Michelin Rally Cup, si prospetta un gran duello fra Gianluca Saresera-Daniele Taufer e Lorenzo Grani-Chiara Lombardi, che lo scorso anno occuparono i gradini del podio a fianco di sua maestà Carella. Davanti a questi due equipaggi scatterà con il numero 51 Francesco Gonzo-Denis Piceno, altra vecchia conoscenza della Coppa. Hanno già vissuto l’agonismo della serie promossa dalla Casa di Clermont Ferrand Graziano Nember-Morgan Polonioli, gli unici a disporre di una Citroën C2 in un nugolo di Peugeot 208, e Williams Zanotto-Christian Buccino. Sono nomi nuovi, ma solo per la Coppa, i velocissimi udinesi Filippo Bravi-Enrico Bertoldi, che hanno scelto quest’anno la Michelin Rally Cup come terreno di sfida, i vicentini Giovanni De MenegoChristian Camazzola, ed i locali Simone Niboli-Battista Brunetti e Alberto Dell’Era-Edoardo Brovelli (entrambi di Gavardo), Kevin Lenzi-Jessica Rosa (di Clusone), Guido Tosini-Corrado Scalfi (Brescia) e Mauro Rizzieri-Battista Brunetti, che vivranno partenza e arrivo nella loro Salò.

In questa categoria sono da considerare anche le velocissime A6 di Ivan Stival-Roberto Pais de Libera (Peugeot 106) e Michele Mondin-Tania Haianes Bertasini, lo scorso anno appena fuori dal podio della Michelin Rally Cup con la loro Citroën Saxo VTS. Una stagione spettacolare la fece anche Tommaso Paleari Henssler (quinto alla fine), che prenderà parte al Mille Miglia con una Mini John Cooper Works affiancato da Paolo Garavaglia. Presente in questa categoria anche l’unico equipaggio femminile, formato dalla pilotessa di Ceccano (FR) Lorella Rinna affiancata da Chiara Ascalone, anche lei con la Mini JCW al via nel bresciano dopo aver disputato una decina di gare di zona con la Clio RS.

Il 42° Rally Mille Miglia apre i battenti a Salò giovedì 26 aprile (ore 18.15-20.15) e venerdì 27 aprile con le verifiche sportive (8.00-11.00) cui seguiranno a mezz’ora di distanza le verifiche tecniche. Sempre nella giornata di venerdì si svolgerà lo Shake Down. La partenza della gara avverrà venerdì alle ore 18.50 nella stupenda cornice di Lungolago Zanardelli di Salò, pedana su cui i concorrenti torneranno sabato 28 aprile alle 18.40. Il 42° Rally Mille Miglia misura 415,03 km di percorso suddiviso in nove prove speciali per 124,48 km, fra le quali la prova spettacolo di venerdì sera (ore 20.00) sulla pista South Garda di Lonato.

******************************************

giovedì 26 aprile 2018

Xmotors e Jteam uniti per Antonio Forato nel CIwrc

La scuderia di Montebelluna si fonde con il sodalizio di Bassano del Grappa per dare l'assalto al trono delle R5 con il pilota di Castelfranco Veneto.

(Comunicato Ufficio Stamopa Xmotors) 

Una sinergia che punta al gradino più alto del podio, ecco svelato l'obiettivo di Xmotors e Jteam, che ripone in Antonio Forato le proprie ambizioni di alta classifica nell'ambito della serie dedicata agli amanti dell'asfalto: il Campionato Italiano WRC.

A partire da domani, Venerdì 27 Aprile, si aprirà il sipario sul tricolore con la quarantaduesima edizione del Rally 1000 Miglia, primo round di un'edizione destinata ad essere scoppiettante.

La collaborazione nata tra la scuderia di Montebelluna, capitanata da Francesco Stefan, e quella di Bassano del Grappa, con al timone Jack Battaglia, è sfociata in un programma che vedrà il pilota di Castelfranco Veneto, affiancato da Ivan Gasparotto, impegnato nei sei eventi a calendario alla guida di una Ford Fiesta R5, griffata Xmotors e seguita da Assoclub Motorsport.

“Siamo una struttura giovane ma ambiziosa” – racconta Stefan (presidente di Xmotors) – “ed abbiamo deciso di investire in un progetto solido, mettendo a disposizione di Forato la nostra Fiesta R5, nato dalla sinergia con Jteam. Assieme possiamo ottenere grandi soddisfazioni ed il Campionato Italiano WRC è il palcoscenico ideale per poterci esprimere ad alti livelli.”

Gli fa eco il capofila del sodalizio vicentino.

“Mettere insieme dei budget importanti, di questi tempi, è molto difficile” – sottolinea Battaglia (presidente di Jteam) – “e l'obiettivo della nostra struttura è quella di aiutare piloti e programmi che meritano il nostro sostegno. Con Antonio collaboriamo da tanto tempo e, grazie al supporto di Francesco e di Xmotors, siamo riusci, in extremis, a mettere in piedi un programma così sostanzioso. Uniti potremo toglierci delle belle soddisfazioni. Speriamo già qui a Salò.”

Per Forato si tratterà dell'esordio assoluto alla guida della trazione integrale dell'ovale blu, in una classe che si preannuncia alquanto densa di spunti tecnici e sportivi.

Il portacolori del team Xmotors – Jteam, che ha già iscritto il proprio nome nell'albo d'oro del CIWRC nel 2014 e 2015, è abituale frequentatore del 1000 Miglia, avendolo affrontato nelle ultime cinque edizioni consecutivamente.

Si partirà con il classico aperitivo serale, domani a partire dalle ore 20, con la prova spettacolo “AC Brescia” (3,46 km) ma la vera sfida si articolerà, il giorno seguente, sulle speciali di “Gardone Riviera” (8,40 km), “Passo Fobbia” (10,40 km) e la lunga “Pertiche – Eligio Butturini” 27,64 km).

“Per noi sarà tutto nuovo” – racconta Forato – “perchè non abbiamo avuto modo di provare bene la vettura. Il percorso sarà totalmente nuovo, con la sola spettacolo uguale al 2017, e dovremo affrontare l'incognita gomme. Correremo per la prima volta con le Pirelli. Vedremo.”

******************************************

giovedì 26 aprile 2018

Fontana, inizia la stagione 2018

Corrado Fontana e Nicola Arena su Hyundai i20 NG WRC pronti a competere per il titolo Campionato Italiano WRC 2018.

(Comunicato Ufficio Stampa)

Il prossimo 27 aprile, prende il via l’edizione 2018 del CiWRC, il Campionato Italiano dedicato alle vetture World Rally Car. La gara inaugurale quest’anno sarà il 42° Rally 1000Miglia che, insieme ad altri 5 Rally, compone il calendario della nuova stagione che mantiene la formula dello scorso anno.

Tra i pretendenti al titolo troviamo un più che mai motivato Corrado Fontana che, insieme a Nicola Arena, suo navigatore dal 2009, potrà finalmente “testare” sul serio la Hyundai i20 NG WRC ufficiale 2016, provata solo durante l’ultima gara del 2017, il Rally ACI Como, dove il team HMI era stato costretto al ritiro.

Ma quest’anno, come dice lo stesso Fontana, sarà l’anno della svolta: “La vettura è pronta a puntino per affrontare la stagione. Lo scorso anno siamo stati penalizzati anche dal fatto di aver percorso pochi chilometri, in occasione dell’ultima gara a Como. Nel 2017 ho digerito male il passaggio dalle vecchie alle nuove gomme Pirelli, e anche nel 2016 avevo accumulato pochi chilometri con questa nuova tipologia di pneumatici. Credo che quest’anno si possa fare ancora un salto di qualità."
Fontana continua: "Ci è rimasto un po’ di amaro in bocca per quanto riguarda il risultato del 2017: due ritiri, di cui uno quello di Como, la gara di casa. Sicuramente l’intenzione è quella di dare il massimo a tutte le gare del campionato. Non nascondo che l’obiettivo resta lo stesso dell’anno scorso: vincere il titolo tricolore Wrc."

Ma non sarà facile, al via ci saranno tutti i Top Player della scena rallystica italiana, primo fra tutti il campione in carica Stefano Albertini che al Rally 1000 Miglia gareggerà in “casa”.

Corrado Fontana non sarà solo, il team HMI presenta ben 3 vetture: una Hyundai i20 gemella, guidata da Massimo “Pedro” Pedretti e, per la “sfida” di famiglia, a bordo della 2015, ci sarà anche Gigi Fontana.

Albertini, Fontana, Miele, Pedersoli, Porro, Sossella, Della Casa sono solo alcuni tra i “Big” che si daranno battaglia al 1000 Miglia che, in breve, si svolgerà così:

Finite le Verifiche Sportive e Tecniche, avrà luogo lo Shakedown "Laghi di Sovenigo" venerdì 27 aprile dalle 8.45 alle 15.45
Partenza poi da Salò - Lungolago Zanardelli venerdì 27 aprile ore 18:50 e a seguire 9 Prove Speciali:
alle ore 20 del 27 la prova spettacolo South Garda Karting, mentre le restanti sabato 28:

"Gardone Riviera" ore 8:50 e 14:35;
"Passo Fobbia" ore 9:35 e 15:20
"Moerna" ore 10:10 e 15:55
"Pertiche" ore 11:20 e 17:05.
Arrivo e premiazioni a Salò sabato 28 aprile ore 18:40.

I Touch Point, per seguire le gare non solo in Tv o a bordo strada, sono:Il nuovo sito CORRADOFONTANA.IT
Instagram fontana.corrado
Il nuovo channel Youtube
Vi lasciamo con una curiosità: da quest’anno Corrado Fontana sarà “testimonial” del Brand Lago di Como, che promuove le attività culturali e turistiche del territorio Lariano. Il pilota comasco porterà letteralmente in giro per l’Italia il nome “Lago di Como” pubblicizzandone, insieme all’APT Comasca, il fascino in ogni tappa in cui correrà.
E per il 2018: forza Corrado Fontana, Nicola Arena e il Team HMI.

******************************************

giovedì 26 aprile 2018

Parte dal 1000 MIglia il tricolore Wrc di Domenico Erbetta

Il pilota di Manfredonia, al via con la Ford Fiesta R5 di PR2 Sport per i colori GDA Communication, è pronto a gettarsi nella fossa dei leoni della classe R5.

(Comunicato Ufficio Stampa GDA Communication)

Ci siamo quasi, il primo atto del Campionato Italiano WRC inizia a bussare alla porta di Domenico Erbetta, quest'anno della partita con una Ford Fiesta R5 messa in campo dal team PR2 Sport.

La stagione tricolore 2018 aprirà i battenti dalla quarantaduesima edizione del Rally Mille Miglia, in programma con partenza da Salò per i prossimi 27 e 28 Aprile.

Il portacolori di GDA Communication, forte del terzo assoluto siglato qualche settimana fa nell'uscita test al Grifo, è consapevole di aver alzato di molto l'asticella ma altrettanto stimolato dall'affrontare una sfida, sulla carta, molto dura.

La classe R5, in orbita CIWRC, dalle voci di corridoio si presenterà ben nutrita, combinando giovani talenti e profondi conoscitori, della serie e della tipologia di vetture, che renderanno la vita molto difficile al sipontino.

A condividere l'abitacolo della trazione integrale dell'ovale blu troveremo nuovamente Valerio Silvaggi che, da programma, alternerà le proprie presenze a Matteo Magrin.

Erbetta, inoltre, vanta un conto aperto con il Mille Miglia: nella passata edizione, quando era in gara con la Peugeot 207 Super 2000, il pilota della scuderia modenese perse a tavolino una vittoria conquistata sul campo, causa una penalità di due minuti.

 “Siamo pronti per il primo impegno di campionato” – racconta Erbetta – “che si presenta davvero impegnativo. La gara lo è già da sola e, per aumentare il livello di difficoltà, abbiamo ben pensato di lanciarci nella mischia della classe R5. Sarà una stagione tanto dura quanto formativa perchè siamo convinti che solo affrontando i migliori si può crescere. Come sempre daremo tutto quanto a nostra disposizione per cercare di ben figurare. La prima del campionato è sempre la più importante. Partire bene qui significa partire con il morale giusto sin dal via. Lo scorso anno, con la 207, siamo stati protagonisti vincenti. Peccato per la penalità che ci ha tolto il successo d'ufficio ma, si sa, son cose che possono succedere nelle corse.”

Oltre quattrocento chilometri di gara, con quasi centoventicinque di tratti cronometrati, costituiranno il primo round del Campionato Italiano WRC 2018: due giorni di gara con l'aperitivo serale della spettacolo “AC Brescia” (3,46 km) da disputarsi il Venerdì sera.

La sfida vera e propria andrà in scena, l'indomani, con ottro crono in programma: “Gardone Riviera” (8,40 km), “Passo Fobbia” (10,40 km), “Moerna” (14,07 km) e la lunga “Pertiche – Eligio Butturini” (27,64 km) andranno ripetute per due tornate.

 “Conosciamo abbastanza la tipologia di percorso” – sottolinea Erbetta – “nonostante sia stato totalmente rinnovato rispetto alla precedente edizione. Siamo molto fiduciosi perchè il lavoro svolto al Grifo, dove abbiamo iniziato a prendere confidenza con la Fiesta, ha dato spunti interessanti per cucircela addosso. Siamo lontani ed il lavoro è tanto da fare, lo sappiamo. Team e vettura sono al top. Ora dobbiamo solo metterci tanto impegno ed umiltà.”

******************************************

martedì 24 aprile 2018

Suzuki Rally Cup, il decimo anno inizia dal Rally 1000 Miglia

Il secondo trofeo di Suzuki Italia, che affianca il Suzuki Rally Trophy nel CIR, si prepara al primo e consueto appuntamento bresciano. Undici i concorrenti iscritti alla serie monomarca: molti gli esordienti, che correranno a fianco degli esperti piloti che hanno caratterizzato le precedenti nove stagioni.Suzuki Rally Cup 2018 propone due novità: l'introduzione degli pneumatici di marca Toyo e l'esordio di SWIFT 1.0 Boosterjet in versione RST10, che andrà a "sfidare" la tradizionale SWIFT Sport 1.6, nelle versioni R1 B e RS.

(Comunicato Ufficio Stampa Suzuki Italia)

Inizia dal Rally 1000 Miglia la decima edizione della Suzuki Rally Cup. L'avvio della stagione 2018 si svolgerà, questo fine settimana, a Salò, sulle classiche prove speciali dell'appuntamento bresciano. Undici sono gli equipaggi iscritti al primo dei sei round del calendario, nel quale si articola la serie monomarca di Suzuki, a fianco della quarantaduesima edizione della gara organizzata da Automobile Club Brescia.

Il programma del Rally 1000 Miglia prevede le Verifiche Sportive e Tecniche nei giorni 26 e 27 aprile, che si svolgeranno al Centro Commerciale Salò2 e presso l’Autofficina Senti, a Salò; lo Shakedown "Laghi di Sovenigo" avverrà venerdì 27 aprile, dalle 8.45 alle 15.45.

La partenza si svolgerà a Salò, venerdì 27 aprile alle ore 18.50, dal Lungolago Zanardelli. Nove le Prove Speciali, 124 i chilometri cronometrati e 415 i chilometri del tracciato di gara. L’arrivo e le premiazioni saranno celebrate a Salò, sempre al Lungolago Zanardelli, sabato 28 aprile alle ore 18.40.

Ecco gli equipaggi trofeisti schierati alla prima prova della Suzuki Rally Cup:

- Equipaggio 104: Pellè Roberto e Luraschi Giulia, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B (Destra 4);

- Equipaggio 105: Peloso Corrado e Iguera Massimo Filippo, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B (La Superba);

- Equipaggio 106: Parolaro Nicolas e Manfredi Jasmine, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B;

- Equipaggio 107: Gnali Alessandro e Pasini Walter, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 (Mediaprom Racing;

- Equipaggio 108: Cibien Davide e Bogo Lorenzo, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 RS (For Sport);

- Equipaggio 109: Longo Marco e Arco Bazzanella Remo, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 R1B (Destra 4);

- Equipaggio 110: Schileo Nicola e Finzi Luciano Renzo, con Suzuki SWIFT Sport 1.6 (Wrt-Winners Rally Team);

- Equipaggio 111: Cornero Mauro e Piccardo Paolo, con Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB;

- Equipaggio 112: Pollarolo Andrea e Pozzoni Alessandra, con Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB (N.C.);

- Equipaggio 113: Manica Federico e Danese Milena, con Suzuki SWIFT Sport 1600 RS;

- Equipaggio 114: Lunelli Rino e Morelli Valentino, con Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet RSTB (Pintarally Motorsport).

SUZUKI SWIFT 1.0 BOOSTERJET RS

Da oltre dieci anni, Suzuki Italia è impegnata in prima linea nei campionati italiani rally, per dare l’opportunità agli appassionati di divertirsi e di sfidarsi nelle più spettacolari prove del panorama nazionale.

Per mettere a loro disposizione una nuova vettura competitiva e affidabile al tempo stesso, Suzuki Italia ha progettato SWIFT 1.0 BOOSTERJET RS. La nuova auto da rally della Casa di Hamamatsu è omologata nella categoria Racing Start (classe RSTB 1.0) che permette libertà tecniche tali da rendere la macchina performante e divertente, a costi contenuti.

Sviluppata sulla base di SWIFT 1.0 BoosterJet, l’esordiente SWIFT 1.0 BoosterJet RS sfrutta la piattaforma HEARTECT, rigida e leggera al tempo stesso, con un passo considerevole di 2450 mm e una larghezza di 1740 mm, 40 mm rispetto a SWIFT R1, generazione precedente. Il motore è un raffinato 3 cilindri Turbo 12 valvole a iniezione diretta. La tecnologia BoosterJet di Suzuki impiega un turbocompressore compatto, a bassa inerzia, che lavora sin dai bassi regimi, assicurando così, potenze simili a quelle di motori aspirati di cilindrata ben maggiore, una straordinaria coppia e una notevole elasticità. La presenza del turbocompressore permette, inoltre, di incrementare sensibilmente le prestazioni, lavorando sul software della centralina elettronica, nei limiti del regolamento. Il cambio è a cinque marce: seconda, terza e quarta sono ravvicinate, per permettere al motore di restare nella fascia di erogazione ottimale dopo le cambiate. Queste caratteristiche rendono SWIFT 1.0 BoosterJet RS un'auto da competizione, perfetta per i piloti di ogni livello, capace di appagare i più esperti come di far crescere i giovani talenti, facendo sviluppare la loro sensibilità e la loro tecnica di guida.

Di seguito i dati tecnici SWIFT 1.0 BoosterJet:

- Motore di serie da 998 cc;

- Potenza max.: 112 cv (82 KW) a 5.500 giri;

- Coppia max. 160 Nm a 1.700/4.000 giri

- Lunghezza 3.840 mm;

- Larghezza 1.740 mm;

- Altezza 1.480 mm;

- Interasse 2.450 mm;

-Carreggiata ant. /post.: 1.520/1.525 mm;

- Peso in ordine di gara: 915Kg, comprensivo di Roll Bar; Ruota di scorta;

- Sedili da competizione; Sollevatore; Cinture a sei punti; Chiave a croce; Impianto di estinzione; Paracoppa.

Suzuki SWIFT 1.0 BoosterJet RS è proposta in tre livelli di preparazione, per soddisfare le diverse esigenze dei concorrenti:

1) L’allestimento Base è destinato a preparatori e a team che desiderano un’auto da sviluppare e personalizzare, nel rispetto dei regolamenti tecnici. Suzuki SWIFT 1.0 BoosterJet RS in allestimento Base viene consegnata con gli interni della versione stradale smontati, roll-bar saldato, paracoppa, attacchi dei sedili saldati e con staffe specifiche, ruote racing, oltre che con un kit da installare, composto da sedili HRX Racer, impianto di estinzione comprensivo di estintore da 2 Kg, cinture HRX, ganci di chiusura per cofano e portellone, ganci traino, volante 3 razze scamosciato, taglia cinture e portacaschi. Il prezzo è di 15.900,00 € (IVA esclusa, franco Torino).

2) Sull’allestimento Evo tutte le parti del kit sono montate, con l’aggiunta della pellicola antisfondamento sui vetri; roll-bar e interni sono verniciati in grigio, sulla plancia è montato uno stacca-batteria elettronico e vi è la predisposizione per un impianto fari supplementari. Il prezzo è di 18.130,00 € (IVA esclusa, franco Torino).

3) Per contenere il peso, la variante Top è, invece, spogliata di tutto ciò che è consentito dai regolamenti, come ad esempio il sistema di climatizzazione. La frizione è sostituita con una di tipo racing, viene montato uno scarico in acciaio e l’impianto frenante è dotato di pastiglie Ferodo Racing e di liquido speciale. Viene poi effettuata una fine messa a punto della centralina al banco dinamometrico e sono installati 4 fari di profondità. Il prezzo diventa di 23.570,00 € (IVA esclusa, franco Torino).

Per tutti e tre gli allestimenti sono disponibili tre Kit assetto, due allestiti dalla Andreani Group ed uno da Veneri Ammortizzatori. I Kit di Andreani Group utilizzano componenti Öhlins: il primo livello è caratterizzato da ammortizzatori regolabili a 1 via, più semplice da tarare, mentre il secondo livello, a 3 vie, consente una gestione più professionale del set-up.

Anche quello proposto da Guido Veneri è a tre vie. Sono proposti da Enginetrade di Cenedese i cerchi Sanremo dedicati alla SWIFT RS. Altri produttori di componenti racing stanno realizzando parti speciali che potranno poi essere acquistate dai proprietari di SWIFT 1.0 BoosterJet RS.

Di seguito, il calendario della stagione 2018 della Suzuki Rally Cup:

- 29 aprile: 42° Rally 1000 Miglia (BS);

- 3 giugno: 51° Rally del Salento (LE);

- 24 giugno: 35° Rally della Marca Trevigiana (TV);

- 26 agosto: 54° Rally del Friuli e Venezia Giulia (UD);

- 15 settembre: 38° Rally Int. San Martino di Castrozza e Primiero (TN);

- 21 ottobre: 37° Rally Trofeo ACI Como.

Albo d'Oro Suzuki Rally Cup: 2008 Roberto Sordi; 2009 Andrea Crugnola; 2010 Milko Pini; 2011 Claudio Gubertini; 2012 Damiano Defilippi; 2013 Paolo Amorisco; 2014 Alessandro Uliana; 2015 Marco Capello; 2016 Corrado Peloso; 2017 Simone Rivia, Under 25 Giorgio Cogni

******************************************

martedì 24 aprile 2018

Trentin e Bizzotto in Tandem con Munaretto Group al Ciwrc 2018

(Comunicato Ufficio Stampa)

“Due è sempre meglio di uno”. Così si dice, solitamente. E così è, sicuramente, in questa stagione: Giampaolo Bizzotto (con alle note Sandra Tommasini) e Mauro Trentin (sul sedile a fianco Michele Coletti) partecipano al Campionato Italiano WRC 2018 con due macchine uguali (Peugeot 207 Super 2000) dello stesso Team (Munaretto Group) e con livree identiche. Quasi un déjà vu, a vederli passare sulle strade uno dopo l’altro!

Giampaolo Bizzotto (La Superba), dopo tante gare spot, si avventura per la prima volta in un campionato completo, mentre Mauro Trentin (Power Car Team) torna a tempo pieno al suo primo amore (i rally) dopo un decennio di pista. Entrambi si sfidano praticamente “dentro casa” e per una stagione intera, affiancati da due navigatori esperti che si daranno ugualmente battaglia fino all’ultima nota. Un “tandem” che renderà sicuramente così ancora più interessante una classe (quella delle Super 2000) che anche l’anno scorso ha vissuto duelli davvero appassionanti e sospesi fino all’ultimo.

Appuntamento quindi a questo venerdì, con la prima gara: il Mille Miglia (partenza da Salò e prova spettacolo serale sul circuito di Lonato; poi chilometri da macinare al sabato, su prove speciali molto impegnative, fino all’arrivo di nuovo a Salò). E poi via, con tutte le altre gare (Salento, Marca, Alpi Orientali, San Martino e Como), per un Campionato che appare sempre più bello e competitivo ogni anno.

******************************************

venerdì 20 aprile 2018

Corrado Fontana: "L'anno della svolta"

E' tempo di Ciwrc per il driver lariano che riparte con nuove motivazioni per la stagione 2018.

In attesa della gara che aprirà ufficialmente la stagione del Campionato italiano Wrc, il 42° Rally 1000 Miglia, si aggiunge un altro nome alla lista dei pretendenti al titolo tricolore 2018. Corrado Fontana torna anche quest’anno a correre tutti e sei gli appuntamenti del C.I. Wrc con la sua Hyundai New Generation i20 WRC 2016. Uno “schieramento a tre punte” per il Team HMI, perché non ci sarà soltanto Corrado al via del CIwrc con la Hyundai. Saranno infatti presenti anche l'altro bresciano Pedro, a bordo della nuova versione della vettura coreana, mentre papà Luigi correrà con la Hyundai i20 Wrc utilizzata nella passata stagione proprio dal pilota più giovane di casa Fontana.

Il Ciwrc 2018 di Corrado Fontana nei suoi punti fondamentali: navigatore: Nicola Arena. Vettura e team: Hyundai i20 NG 2016. Pneumatici: Pirelli. Sarà tutto confermato anche per il 2018?

"Assolutamente sì. Con Nicola Arena, con il quale corro insieme dal 2009, c’è il giusto feeling. La vettura è pronta a puntino per affrontare la stagione. Lo scorso anno siamo stati penalizzati anche dal fatto di aver percorso pochi chilometri, in occasione dell’ultima gara a Como. Nel 2017 ho digerito male il passaggio dalle vecchie alle nuove gomme Pirelli, e anche nel 2016 avevo accumulato pochi chilometri con questa nuova tipologia di pneumatici. Credo che quest’anno si possa fare ancora un salto di qualità."

Corrado, l'anno scorso hai chiuso la stagione al quarto posto assoluto. Qual è il tuo obiettivo quest’anno?

"Ci è rimasto un po’ di amaro in bocca per quanto riguarda il risultato del 2017: due ritiri, di cui uno quello di Como, la gara di casa. Sicuramente l’intenzione è quella di dare il massimo a tutte le gare del campionato. Non nascondo che l’obiettivo resta lo stesso dell’anno scorso: vincere il titolo tricolore Wrc."

Anche nella prossima stagione, tra gli iscritti ci sarà il campione in carica Stefano Albertini, che ne pensi?

“Sono davvero contento di potermi confrontare ancora una volta con Stefano. E’ davvero un pilota di talento, come molti che partecipano a questa serie. Ma lui ha una marcia in più e lo ha dimostrato; in particolare bisognerà stare attenti al Rally 1000 MIglia, la sua gara di casa. A Brescia ci sarà la necessità di tenere alto il ritmo da subito.”

Dunque, Albertini è il pilota da battere?

“In primis lui, ma anche gli altri pretendenti attesi hanno tutti un le carte in regola per far bene e soprattutto una gran voglia di vincere.”

ll bello di questo Campionato?

“Il bello risiede proprio nel suo schieramento di piloti e vetture. Di edizione in edizione si presentano sempre avversari di assoluto prestigio, questo sia parlando di numeri sia in termini di qualità. In questa serie la lotta al titolo prevede sempre sette o otto vetture impegnate a sfidarsi, tutto questo rende la stagione davvero appassionante e mai scontata. Al momento è certamente il campionato più bello.”

******************************************

mercoledì 18 aprile 2018

Iscrizioni CIWRC

Venerdì 20 aprile con la chiusura delle adesioni al 42.Rally 1000 Miglia scade il primo termine utile all'iscrizione del Campionato Italiano Wrc 2018.

Roma, 18 aprile 2018 – Si avvicina la data di partenza della prossima stagione del Ciwrc. Tra circa dieci giorni infatti si disputerà il primo dei sei appuntamenti della serie tricolore: il 42° Rally 1000 Miglia, in programma il weekend del 27-28 aprile.

A tal proposito, Venerdì 20 Aprile, alle ore 24, in concomitanza con la chiusura delle iscrizioni del 42°Rally 1000 Miglia, scadrà la prima delle due occasioni per iscriversi al Campionato.

Di conseguenza, coloro che intendono prendere punti per il tricolore fin dalla prima gara dovranno necessariamente iscriversi entro l’orario e la data indicata.

La successiva possibilità di iscrizione al campionato sarà quindi accessibile a partire dalle ore 8.00 di Mercoledì 2 Maggio alle ore 24.00 di Venerdì 25 Maggio, durante la fase di adesioni per il 51° Rally dei Salento, secondo round del CIWRC, in programma dal 1 al 2 Giugno prossimi.

******************************************

martedì 17 aprile 2018

Manuel Sossella pronto ad una nuova stagione nel CIWRC

Il driver vicentino rinnova la sfida tra le World Rally Car anche per il campionato ormai prossimo. L'obiettivo rimane quello del secondo titolo nella serie

Meno di due settimane ci dividono dallo start del CIWRC 2018. La nuova stagione della serie tricolore riservata alle regine dei rally sembra nascere con i migliori propositi. Sono infatti diversi i piloti che stanno provvedendo a confermare la loro presenza in vista della gara d’esordio, il Rally 1000 Miglia, in programma per il 27 e 28 aprile prossimi. Una delle ultime iscrizioni in ordine di tempo presenta il nome di Manuel Sossella, uno dei nomi noti della serie tricolore. Il driver vicentino proverà a ripartire dopo le vicissitudini della passata stagione, e tornerà a correre con la Ford Fiesta WRC, sempre navigato da Gabriele Falzone con il quale proverà a rientrare in lotta per il titolo, impresa riuscita nella edizione 2015.

Manuel Sossella: ripartirai dalle conferme, a partire dal tuo navigatore. Hai anche qualche novità in vista della nuova stagione?

“Gabriele è al mio fianco dalla prima stagione del CIWRC nel 2014. È un binomio che funziona ottimamente, anche e soprattutto a livello umano. Ci divertiamo insieme e passiamo belle giornate in compagnia, con grande serenità anche al di fuori della competizione. È un navigatore di ottimo livello, oltre che un amico, e ha trovato il modo di assecondarmi, come io sono riuscito a capire il suo modo di prendere le note. La coppia non è mai stata in discussione. Correrò su Ford Fiesta, ma la novità riguarda il team. Sarò infatti seguito dal team PA Racing di Alessandro Perico. Il programma è quello di partecipare a cinque appuntamenti su sei, poiché al Rally del Salento, purtroppo, non potrò esserci per motivi personali.”

Il 2017 è stato piuttosto sfortunato per te. Il tuo racconto di come è andata la stagione e le sensazioni che hai avuto dal campionato

“La passata stagione è iniziata male. Nel Rally 1000 Miglia ci siamo ritirati perché la vettura andava a fuoco, stessa cosa per il Rally della Marca, dove ci siamo dovuti fermare prima che accadesse di nuovo. Purtroppo non siamo potuti essere presenti all’Isola d’Elba, quindi al netto di queste mancanze inziali ci siamo trovati fuori dai giochi. Non avevamo più chance per il titolo. A San Martino avevamo fatto delle ottime prove sul bagnato prima che una foratura compromettesse tutto, ma rimasi soddisfatto di quella gara. Nell’ultimo appuntamento a Como non abbiamo potuto fare lo shakedown con la nuova vettura, quindi ci siamo dovuti adattare strada facendo, migliorando il setup a gara in corso. Anche in quella gara però abbiamo avuto segnali rassicuranti, dimostrandoci che non siamo troppo lontani dai primi. Quindi penso che abbiamo qualche margine per fare bene quest’anno. Certo che non sarà semplice, poiché in un campionato come questo non c’è possibilità di sbagliare.”

Uno sguardo alle gare titolate: quali di queste conosci meglio e ti ha lasciato ricordi migliori? Quali prove speciali ti hanno creato i maggiori problemi?

“La gara che conosco meno penso sia proprio quella d’esordio, il 1000Miglia. Non ho molte partecipazioni a Brescia, quindi dovremo essere molto concentrati sul percorso e sulle note. Mi dispiace che non sarò presente a Lecce, perché è una gara che apprezzo molto e mi piace correre. Il Rally della Marca ha alcune prove speciali di rara bellezza, quelle lunghe in particolare. Il “Monte Cesen” e soprattutto “Monte Tomba” sono storiche e probanti. La prova “Castelli” dovrebbe essere interessante, ma non l’ho mai disputata a pieno. Ho corso nel Rally del Friuli nei primi anni ’00, anche lì bisogna prendere bene le note. Il Rally San Martino lo conosco bene e mi trovo sempre a mio agio. Hanno un’organizzazione particolarmente attenta e accogliente, è sempre un piacere andarci. Infine Como, un’altra gara storica e impegnativa. Speriamo di arrivarci in corsa per un obiettivo importante!”

CIWRC: il rapporto tra piloti e organizzatori. Un confronto crescente sempre produttivo per la competizione

“Il campionato si è rivelato organizzato ottimamente. Ho confidenza con la maggior parte degli organizzatori, in particolare con Gigi Brunetta siamo amici ormai. Non conosco personalmente gli organizzatori del Salento, ma la loro gara è sempre stata preparata al dettaglio in maniera eccellente. San Martino, Como e tutte le altre: sono gare blasonate con ottima copertura mediatica e in palio un titolo italiano. Per noi piloti è fondamentale anche avere un riscontro mediatico, per questo ho sempre riconosciuto l’ottimo lavoro svolto da Aci Sport per la comunicazione. Sono proprio questi gli aspetti che rendono questo campionato interessante per tutti.”

I giovani piloti italiani. Un’altra delle caratteristiche del CIWRC è rappresentata dal mix di driver d’esperienza e talenti in rampa di lancio o verso la consacrazione

“Sposo in pieno la scelta dei giovani di venire a fare esperienza in un campionato come questo. Possono farsi le ossa confrontandosi con piloti e vetture di livello. Certo, non è semplice oggi fare i conti con il budget, ma qui si può trovare la soluzione giusta attraverso i trofei monomarca e soprattutto le categorie minori. Ho visto ragazzi piuttosto bravi, anche guardando le validità maggiori. Spesso “prenderle” dai più esperti è formativo, può far bene. Infine penso che confrontarsi con gare lunghe, con molti chilometri e un ritmo elevato sia necessario per migliorare come pilota.”

Un commento a margine sul campione in carica Stefano Albertini

“Stefano è sempre stato uno dei piloti più promettenti, e continua ad esserlo. Lo ha dimostrato anche lo scorso anno, ribadendo quanto avrebbe avuto le carte in regola per essere il degno erede di Paolo Andreucci. Io ho sempre creduto molto nel talento di Stefano. Quando vidi la sua iscrizione al CIWRC lo scorso anno, sapevo che sarebbe stato lui quello da battere. Osservandolo si capisce il perché sia stato un pilota di un team ufficiale. Avere la possibilità di un’esperienza e un percorso come quello che lui ha potuto vivere sono fattori che fanno la differenza per competere ai massimi livelli.”

******************************************

lunedì 16 aprile 2018

Il Rally del Salento si presenta

Mercoledì 18 aprile alle ore 11.30 presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell'Automobile Club di Lecce, conferenza di presentazione della 51esima edizione della classica salentina. Nel corso dell'incontro con la stampa la firma dell'accordo tra Automobile Club di Lecce e la Fondazione La Notte della Taranta

(Comunicato Ufficio Stampa 51°Rally del Salento)

Lecce, 16 aprile 2018 - Il 51° Rally del Salento, valido per il Campionato Italiano WRC, entra ufficialmente nella sua fase operativa con la conferenza di presentazione che si svolgerà mercoledì 18 aprile alle ore 11.30 presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell’Automobile Club di Lecce. Dopo i mesi di messa a punto, la prestigiosa manifestazione organizzata dall’Automobile Club di Lecce con il supporto di Acisport, Automobile Club d’Italia e della Scuderia Piloti Salentini, svela il suo volto 2018. A fare gli onori di case Aurelio Filippi Filippi, il Presidente dell’Automobile Club di Lecce, Teresa Elvira Sambati, Direttrice dell’Automobile Club di Lecce, Massimo Manera Presidente della Fondazione “La Notte della Taranta” e Loredana Capone Assessore Regionale all’Industria turistica e culturale e Gestione e valorizzazione dei beni culturali.

Un volto bello, quello del Salento 2018, manifestazione arricchita ed accompagnata ora, dall’accordo di collaborazione con la Fondazione “La Notte della Taranta” per una sinergia che si presenta come un nuovo ed inedito canale per la valorizzazione turistica ed economica. del territorio. Un territorio, quello salentino, ricco di fascino, di tradizioni, di cultura e di bellezze naturali. Proprio l’accordo tra Rally del Salento e Fondazione “La Notte della Taranta” che sarà ufficializzato nel corso della conferenza stampa.

Dal punto di vista tecnico la manifestazione, tra le più impegnative del panorama nazionale, in programma venerdì 1 e sabato 2 giugno e valida quale seconda prova del Campionato Italiano WRC, nonché con lo stesso tracciato, come appuntamento d’apertura della Coppa Italia Quarta Zona  e come terzo atto del Campionato Regionale a coefficiente 1,5,  metterà in campo una ricca serie di novità. La prima di queste riguarda il complesso apparato logistico con la cittadina di Melpignano che sarà completamente coinvolta nella gara ospitando il quartier generale e le verifiche sportive e tecniche presso l’Ex Convento degli Agostiniani, la pedana di partenza in Piazza San Giorgio, la cerimonia d’arrivo nel Piazzale antistante l’Ex Convento degli Agostiniani (luogo deputato ad ospitare anche il Villaggio Rally e noto ai più per essere ogni anno il luogo dove si svolge il concertone finale del Festival della Notte della Taranta), i Riordinamenti a Palazzo Castriota e il Parco Assistenza presso la Zona Industriale. Ma Melpignano avrà anche un ruolo attivo per ciò che concerne la classifica di gara in quanto sarà teatro della nuova prova spettacolo d’apertura denominata “La Taranta” in programma nella serata di venerdì 1 giugno e che sarà allestita nei pressi dell’Ex Convento degli Agostiniani. La sezione cronometrata del percorso sarà poi completata nella giornata di sabato con la triplice ripetizione delle prove, già affrontate lo scorso anno, di Martignano, Santa Cesarea e Specchia.

E’ stato individuato un nuovo tracciato anche per il test collettivo pre-gara, lo ”shakedown”, che si svolgerà  tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio di venerdì 1 giugno lungo le arterie rurali di Contrada Padulaci a Soleto.

Insieme alla gara “moderna”, lo staff organizzativo dell’Automobile Club Lecce, mosso dalla grande passione per lo sport dei motori, ha deciso di dar spazio anche alle vetture storiche che stanno avendo sempre maggiore popolarità nell’Italia da corsa, dando vita alla prima edizione del Rally Storico del Salento che vedrà i partecipanti accodarsi al rally maggiore per affrontare solo le prime sette prove speciali. Parlando sempre di vetture storiche e dopo il positivo riscontro ottenuto lo scorso anno nell’edizione d’esordio, verrà poi riproposto il Raduno Storico del Salento.

******************************************

giovedì 12 aprile 2018

L'Automobile Club di Lecce presenta il 51° Rally del Salento

L'evento pugliese è pronto a fare il suo rientro nel Campionato Italiano WRC. Mercoledì 18 aprile 2018 alle ore 11.30 la conferenza di presentazione, presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell'Automobile Club di Lecce.

Il Campionato Italiano WRC è ormai alle porte e l’impegno degli organizzatori aumenta per garantire la miglior riuscita degli appuntamenti in calendario. La cinquantunesima edizione del Rally del Salento, in programma per il fine settimana dell’1 e 2 giugno, sarà il secondo episodio e seguirà il Rally 1000 Miglia che aprirà la stagione venerdì 27 aprile. Il rientro del rally organizzato dall’ACI Lecce tra le gare della serie wrc, sarà anche l’occasione per presentare al pubblico un format diveso e arricchito da alcune importanti novità.

Il programma della kermesse salentina infatti mostra come l’evento sportivo, pur rimanendo l’elemento centrale, è stato affiancato da una serie di appuntamenti ed iniziative. La più significativa è certamente il sodalizio tra competizione sportiva e manifestazione artistica, ovvero la “Danza del Volante”. L’iniziativa, nata dalla sinergia tra la Fondazione Notte della Taranta e il 51°Rally del Salento, sarà il leitmotiv che accompagnerà costantemente l’edizione 2018 e si propone come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento.

L’articolata e complessa macchina organizzativa sta quindi portando avanti il lungo lavoro del dietro le quinte, che verrà illustrato nella conferenza stampa di presentazione fissata per mercoledì 18 aprile, presso la Sala Guglielmo Grassi Orsini dell'Automobile Club di Lecce alle ore 11.30.

Nel corso dell’incontro verrà siglato l’accordo tra ACI Lecce e Fondazione Notte della Taranta e presentato il Villaggio Rally che quest’anno avrà come contenitore d’eccezione il suggestivo Convento degli Agostiniani a Melpignano, con l’ampio spazio antistante dove ogni anno si svolge il concertone finale del Festival della Notte della Taranta. Sarà inoltre presentato il 1° Rally Storico del Salento e il 2° Raduno Storico del Salento.

Alla conferenza interverranno tra gli altri relatori:

Aurelio Filippi Filippi - Presidente dell’Automobile Club di Lecce

Angelo Sticchi Damiani - Presidente Nazionale dell’Automobile Club d’Italia e della Federazione Sportiva Aci

Teresa Elvira Sambati - Direttrice dell’Automobile Club di Lecce

Massimo Manera - Presidente della Fondazione La Notte della Taranta

Loredana Capone – Assessore Regione Puglia Industria turistica e culturale, Gestione e valorizzazione dei beni culturali

******************************************

giovedì 12 aprile 2018

CIWRC: Bentornato Pede!

Luca Pedersoli torna a competere a pieno regime nel Campionato Italiano WRC. Il vincitore della prima edizione della serie tricolore è pronto a ripartire dall'esordio stagionale nel suo Rally 1000 Miglia: "Sarà una stagione emozionante”

Scorre velocemente il countdown in vista dello start del CIWRC 2018. L’appuntamento d’apertura a Brescia, previsto dal 27 al 29 aprile prossimi, sarà anche l’occasione per ritrovare uno dei personaggi noti della competizione riservata alle World Rally Car: Luca Pedersoli. Tornerà alla carica sempre al volante della sua Citroen C4 gommata Michelin, con alla sua destra la navigatrice Anna Tomasi.

Possiamo dire: bentornato nel CIWRC! Dopo l’avvio nel Rally1000Miglia dello scorso anno hai vissuto la serie da spettatore interessato. Quale impressioni hai avuto?

“Non è facile capire le dinamiche di un campionato guardandolo dall’esterno. Per quanto ho visto si è confermato come una competizione ancora ricca di contenuti ed emozioni. Purtroppo, per quanto mi riguarda, ho vissuto una parentesi negativa durante la mia apparizione a Brescia. Mi è dispiaciuto particolarmente perché mi ero sentito competitivo, rimanendo al comando dopo sette prove speciali prima di essere costretto al ritiro. Quella gara mi aveva lasciato buone sensazione. Probabilmente avrei potuto dire la mia per il titolo. Albertini è un ragazzo che merita. Va forte! È riuscito a dare continuità alla sua stagione senza incappare in errori. Gli va reso merito, in più fa piacere perché anche lui è di Brescia. Ricordo che la sua prima volta alla guida di una WRC fu con la mia Ford Focus. Non sono rimasto sorpreso dalla sua vittoria.”

Un anno dopo al 1000Miglia. Quali sono i cambiamenti e quali le conferme in “casa Pedersoli”?

“In realtà non è cambiato molto. Anzi, per quanto mi riguarda ho tante conferme per la stagione alle porte. Al mio fianco ci sarà sempre Anna Tomasi. Una navigatrice molto professionale e appassionata che mi ha affiancato dopo Matteo Romano. Anche lei è molto contenta di tornare in una massima competizione nazionale, perché quello di gareggiare e soprattutto vincere un titolo italiano è sempre stato il suo obiettivo. Sarò ancora al volante della mia Citroen C4. La prospettiva però è quella di cambiare vettura durante il corso della stagione. Effettivamente sono rimasto l’unico ad utilizzare una 2000, gli altri sono tutti su una 1600. Un motivo ci sarà. Sono sicuramente vetture più performanti e spero di poter effettuare quanto prima questo passaggio, cosa che potrebbe farmi fare un salto di qualità definitivo. Nel team invece c’è stato qualche cambiamento. Sarà lo stesso, ma con un nuovo direttore sportivo e altri nuovi componenti tra i meccanici. Spero che anche questo possa rivelarsi un valore aggiunto.”

Sei uno dei “veterani” di questa competizione tricolore. Dal tuo successo nella stagione d’esordio all’edizione 2018, quanto e come si è evoluta la serie?

“Questo campionato non è cambiato poi molto dalla sua nascita, ma è sicuramente un fattore positivo. Questo è il suo punto di forza secondo me. Vetture eccezionali, tanti piloti di livello e gare blasonate ricche di storia rallistica. Sono tutti appuntamenti molto noti sul panorama nazionale, gare che hanno fatto la storia. Anche per quest’anno è confermato il format con cinque risultati utili e uno scarto. A mio avviso è una soluzione vincente. La mia storia nel CIWRC è caratterizzata da fasi alterne. Dopo la vittoria nel 2014 ho sfiorato il titolo nel 2016, perso per appena un punto al netto degli scarti a favore di Marco Signor. Quando ho partecipato a tutto il campionato ho ottenuto ottimi risultati ad anni alterni. Quindi speriamo che questo 2018 sia effettivamente favorevole.”

Quale rientro migliore della gara di casa. Raccontaci le emozioni del Rally 1000 Miglia vissute dalla prospettiva del “pilota locale”

“In realtà non mi sento un vero e proprio “pilota locale”. Il 1000Miglia è la mia gara di casa, ma non ho poi molte partecipazioni. Forse arrivo a contarne sette o otto. Ci sono molti altri piloti che ne hanno più del doppio rispetto a me. Ad esempio, Marco Signor. È una gara classica che conoscono tutti molto bene, quindi non si ha il vantaggio di conoscerla in maniera particolare. Correre questa gara ha comunque un’esperienza emozionante, a maggior ragione perché sarà la gara di apertura del campionato.”

******************************************

lunedì 9 aprile 2018

Porro&CIWRC: la storia continua

Le parole del pilota lariano, aspettando il 2018 della serie tricolore riservata alle vetture protagoniste della scena mondiale

Un’esperienza destinata a proseguire quella di Paolo Porro nel Campionato Italiano WRC. Un percorso che dura sin dalla prima edizione della competizione. Anche per la nuova stagione infatti il driver di Como ripartirà, dal primo appuntamento nel Rally Mille Miglia previsto per il 28 e 29 aprile, a bordo della Ford Fiesta Wrc con i colori della GP Racing. Partendo dall’esperienza degli ultimi cinque anni di gare, Porro lancia la sfida in vista della partenza del campionato parlando di obiettivi, avversari e gare della prossima stagione.

Manca poco all’avvio di stagione, come ti stai preparando?

“L’inizio del campionato si avvicina, quindi sto cercando di intensificare la mia preparazione personale. Mi sto concentrando soprattutto sull’aspetto fisico. Sto lavorando in palestra tutti i giorni, o quasi. Per quanto riguarda invece la preparazione tecnica abbiamo fatto un test nel Rally di Varese, che purtroppo non è andato nel migliore dei modi per un problema alla vettura che ci ha costretti al ritiro quasi subito. Ora avremo un'altra sessione di test proprio in vista del Rally Mille Miglia.”

Nel 2017 un terzo posto assoluto. Ora sei pronto a rimetterti tuta e casco, ma non molli e torni nel CiWrc più cattivo che mai. Quale aspetto ti piace di più di questo Campionato?

“Ciò che apprezzo di più in del Campionato Italiano WRC sono sicuramente le gare: sono tutte articolate su prove speciali che mi piacciono particolarmente. A mio parere questo è il campionato più interessante e appassionante a livello nazionale. Ci sono tanti piloti, tutti di ottimo livello, che si giocano le gare fino all’ultimo chilometro dell’ultima speciale.”

Tu che hai vissuto la nascita e l’evoluzione di questa serie, raccontaci la tua esperienza e la crescita del CIWRC dal 2014 ad oggi.

“Questa serie è nata da subito con i migliori presupposti. La promessa del titolo tricolore WRC è riuscita ad attrarre tanti piloti importanti: proprio questa è la sua peculiarità. Ogni anno il parco vetture è sempre più affascinante, con la presenza di macchine sempre più evolute. In più, l’attrazione aumenta se pensiamo che si parla delle World Rally Car.”

Nelle gare dell'Elba e San Martino di Castrozza dell'anno scorso hai dato il meglio di te. Adesso fuori l'Elba, dentro di nuovo il Salento. Entriamo nel dettaglio delle piesse che preferisci e quelle che ti mettono più alla prova.

“Durante la passata stagione non mi sono mai sentito competitivo fino in fondo. Sono convinto di poter dare molto di più già dalla prossima. Il Salento mi piace molto, anche se in lì passato non sono riuscito a cogliere buoni risultati. Purtroppo non ho ricordi particolarmente emozionanti o episodi memorabili, ma la responsabilità è soltanto mia perché, le piesse sono tutte emozionanti. Le speciali che mi mettono in maggiore difficoltà sono notoriamente le prove spettacolo. Non so spiegare la ragione ma ho una sorta di repulsione”.

Aspettative per la stagione 2018? Sei giunto alla quinta edizione consecutiva, può essere l’anno giusto per toglierti la soddisfazione della vittoria finale?

“Il mio obiettivo è sempre stato, e rimane, quello della conquista del titolo. Ci provo sempre. Paolo ed io proviamo a dare sempre il massimo in quest’ottica. Nel nostro sport, come per gli altri, se non ci sono tutte le condizioni (fisiche, mentali e una vettura al top) le prestazioni ne risentono. Spero davvero di essere competitivo e di aver trovato definitivamente il feeling con la mia Ford Fiesta Wrc. Ma potrò dirlo soltanto dopo la prima gara.”

Una nuova stagione affiancato da Cargnelutti. Quanto conta il lavoro di squadra e il rapporto tra equipaggio e team?

“Corro insieme a Paolo ormai dal 1999. Insieme abbiamo iniziato con una Saxo N2 e, fino ad oggi, ne abbiamo fatti di chilometri fianco a fianco. Ormai siamo siamesi! Questo legame però è un fattore che ha valore, conta molto. Ho a disposizione un team, quindi direi che dobbiamo solo lavorare ancora di più.”

******************************************

giovedì 5 aprile 2018

Da Brescia a Brescia: Stefano Albertini riparte dal suo Rally 1000 Miglia nel CIWRC 2018

La serie tricolore riservata alle vetture regine dei rally è pronta al nuovo esordio nella classica gara lombarda. La prima conferma riguarda proprio il campione uscente, che rinnova la corsa al titolo proponendo la sua Ford Fiesta WRC in testa al parco partenti. Proprio nella sua città natale.

Dodici mesi dopo il Campionato Italiano World Rally Car riparte dalle certezze dell'anno precedente. Il calendario infatti riproporrà il Rally 1000 Miglia come gara iniziale. In cima all’elenco partenti ha già provveduto a scrivere il proprio nome Stefano Albertini, il pilota dominatore della passata stagione. Il bresciano farà quindi gli onori di casa, provando a rispondere da subito all’attacco al titolo da parte di rivali noti e nuovi sfidanti. A meno di un mese di distanza dall’apertura del CIWRC, Albertini avvia il countdown tracciando una linea di congiunzione dalla vecchia alla nuova stagione. Spaziando tra ricordi, novità ed obiettivi.

365 giorni più tardi, Albertini si ripropone ai nastri di partenza del campionato. Ma con un tricolore in più disegnato sulla vettura: “vogliamo fare le cose esattamente come sempre, con la stessa convinzione e mentalità. Sappiamo che i nostri avversari saranno molto motivati e si prepareranno al meglio per il campionato. La nostra intenzione è quella di curare ogni dettaglio da subito e provare a partire con il piede giusto.”

Brescia e il Rally Mille Miglia, la tua gara di casa. L'esperienza personale e la passione del “pilota locale”: “la gara di casa ha sempre un fascino particolare, sicuramente ci teniamo a fare bene. Per la prossima edizione sono in programma cambiamenti notevoli rispetto allo scorso anno. A mio avviso sarà una gara difficile da interpretare per la varietà e diversità delle prove speciali. Sarà fondamentale anche fare la scelta giusta di gomme, avendo come ultima prova del giro una piesse piuttosto impegnativa da 28 km. Sono certo che sarà un grande evento oltre che una competizione emozionante, come sempre.”

Il Campionato Italiano WRC visto dalla prospettiva del campione in carica: “il CIWRC è un campionato molto bello, sia per chi lo corre, sia per l’appassionato che ha la possibilità di vedere in azione le World Rally Car. Nella serie sono impegnati tutti equipaggi e team privati, quindi il livello è molto simile e la competizione rimane sempre avvincente. In più, le gare del campionato sono molto belle da correre, ricche di fascino e storia rallistica.”

Il calendario del CIWRC. Preferenze e ricordi delle gare titolate: “le gare sono tutte belle e organizzate molto bene. Le mie preferite rimangono il Rally del Friuli e naturalmente il Rally1000Miglia. Un bel ricordo della passata stagione riguarda l’esperienza nel Rally Isola d’Elba. Mi è piaciuto particolarmente. Quest’anno sono molto contento di correre il Rally del Salento, che è rientrato a far parte del calendario. È una gara che ho già fatto nel 2010 con la Renault Clio, quando faceva ancora parte del Campionato Italiano Rally e che mi lasciò impressioni positive. Diciamo che come tipologia di strade è una gara un po’ diversa rispetto alle altre. Ci sarà da fare un test per trovare il set up giusto della macchina e adattarla al meglio agli asfalti salentini.”

La stagione 2017: una corsa trionfale “Beh, certamente è stata una stagione che ricorderemo! All’inizio del campionato sapevamo di poter partecipare soltanto alle prime tre gare, ma poi, grazie ai risultati e alla scuderia, siamo riusciti a trovare la soluzione per continuare. Diciamo che non c’è una prova che ricordo in modo particolare più di un'altra. Ci sono state alcune gare durante le quali ho trovato maggiori difficoltà, ma è stata solamente una questione di poca conoscenza degli pneumatici in alcune situazioni nuove per me. Ho dovuto un po' improvvisare. Infine la vittoria del titolo è stata una soddisfazione speciale.”

Albertini-Fappani su Ford Fiesta WRC, anche nel 2018? “Continuerò con Danilo sempre a bordo della Fiesta Tam Auto di Luca Zonca. Come lo scorso anno. Le gomme saranno le Michelin, con le quali mi sono trovato molto bene e che adesso conosco sicuramente meglio. Anche quest’anno saremo supportati come è stato per la passata stagione dalla Scuderia Mirabella Mille Miglia, quindi il gruppo sarà sempre lo stesso. Confermato al completo.”

La nuova stagione: quali e che tipo di avversari ti aspetti di affrontare? “Non so ancora chi parteciperà al campionato, ma sicuramente gli avversari saranno motivati e agguerriti. Per quanto ci riguarda dobbiamo riuscire a concentrarci solo su noi stessi, cercando di fare le cose come sempre. A prescindere da questo, più avversari validi ci saranno e meglio sarà per tutti: equipaggi, team, spettatori ecc..”

Stefano Albertini e Marco Signor: il dualismo. Due storie sportive che corrono in parallelo. Dal Karting al CIWRC (passando per lo Junior) una sfida che non sembra trovare fine “Con Marco ci conosciamo sin dall’infanzia, dai tempi del kart. Ormai parliamo di una conoscenza che dura da 18 o 19 anni. Davvero molto tempo. È un uomo e un pilota che stimo e rispetto. Anche lo scorso anno il confronto si è riproposto durante il CIWRC 2017, con una sfida che si è dimostrata ancora avvincente. Spero che prenda parte anche lui al prossimo campionato.”

******************************************

giovedì 5 aprile 2018

Disponibili i documenti del 51°Rally del Salento

Sul sito acisport.it i file dell'evento salentino organizzato dall'AC Lecce, in programma per l'1 e 2 giugno

L’esordio del Campionato Italiano WRC si avvicina e cresce il fermento per le sei gare che assegneranno il titolo 2018. Iniziano infatti anche i preparativi per la seconda data del calendario, quando i protagonisti della serie tricolore si sfideranno nel 51°Rally del Salento a bordo delle World Rally Car. Sul sito acisport.it, come sul portale dell’evento pugliese rallydelsalento.info, sono disponibili i documenti ufficiali inerenti alla gara:

Cartina Generale del Rally
Programma del 51°Rally del Salento
Tabella Tempi e Distanze

******************************************

le notizie senza citazione della fonte a cura di AciSport

RALLY DEL SALENTO:
Notizia del - ore --:--
di Ufficio Stampa ° Rally del Salento
 
 
 
 
 
PRESENTATA UFFICIALMENTE LA GARA.
Notizia del
di Gianluca EREMITA

Parte domenica prossima la

  SALENTOMOTORI.IT
 
Notizia del
 
A cura della Redazione di SalentoMotori.it
 

 

 

 
 

XXXXXXXX

 
Notizia
 
Fonte: Redazione
 

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

 
SI   CORRE    A..   IL..
Cronoscalata
-----------------------------------------------
 
 

Indice dal 02/01/2012 al 26/09/2013
Indice Numeri Settimanali 2012

Indice Numeri Settimanali 2011
Indice Numeri Settimanali 2010
Indice Numeri Settimanali 2009

Indice Numeri Settimanali 2008
Indice Numeri Settimanali 2007
Indice Numeri Settimanali 2006
Indice Numeri Settimanali 2005
ARCHIVIO ALL NEWS 2005
Archivio News DIC 03-GEN 05 (.ZIP)